We own the afternoon<small></small>
Emergenti − Alternative − Shoegaze, Dream - pop, Post - rock, New - wave

Shelly Johnson Broke My Heart

We own the afternoon

2012 - Stop! Records
31/05/2012 - di
La loro è una bellissima storia. La prima volta che li ho ascoltati (Brighter) non capivo: non riuscivo a mettere quel disco all’interno di nessuna categoria. Tanti suoni, dei rumori. Non capivo e mi piaceva. Non c’era nulla che non andava. Quel disco suonava talmente deciso che non c’era nulla da chiedersi e solo ascoltare. Ma io quel disco ho continuato ad ascoltarlo e loro, ho continuato, a seguirli e a distanza di un anno eccoci qui con un altro lavoro in studio. Oggi è il turno degli Shelly Johnson Broke my heart e del loro disco We own the afternoon, uscito, ovviamente, per l’etichetta discografica Stop! Records.

La loro poliedricità nel cercare nuove circostanze sonore è tangibile fin dalle prime tracce; prendi Prostitutes che è una continua ricerca di sonorità per dar vita ad un pezzo che, nonostante la complessità, risulta anche un pezzo alla portata di tutti. E questa è stata una delle caratteristiche fondamentali degli SJBMH: sanno essere ricercati e contemporaneamente orecchiabili. Non siamo davanti ai tormentoni estivi o ai balli di gruppo. Qui si parla di qualcosa più complicato, di più sensibile - nel vero senso della parola. Venticinque minuti circa per descrivere un pomeriggio… e gli SJBMH, con i loro modi di fare e le loro chitarre abbastanza euforiche, ci descrivono il loro pomeriggio, che si perde tra qualche sonorità post-rock e qualche pensiero shoegaze. Come prima, anche adesso, gli SJBMH tendono spesso a “giocare” con i suoni creando momenti estremamente diversi tra loro; così Alamogordo / Rio Rancho / Lasc Cruces può essere inizialmente considerata come un pezzo dream pop che sul finire si incupisce e termina con un sound decisamente più forte e anche distorto. E per seguire la regola, il pezzo che segue, Sebastian, the king, è una ballata indie folk energica e dinamica, bella da ascoltare e canticchiare come i più bei pezzi pop.

La spontaneità, il carattere c’è, la professionalità pure e c’è anche l’originalità, visto che il loro modo di esprimersi e di concepire i suoni è inteso dagli SJBMH, unico. Da Brighter sono cresciuti tantissimo. Ora si attende un live… 

Alla prossima, We own the afternoon (cercatelo perché avrete la fortuna di trovarlo in free download!)

Track List

  • -
  • PROSTITITUTES
  • JOHN KRASINSKI
  • BLACK POP SONG
  • LONESOME RICHARD
  • ALAMOGORDO / RIO RANCHO / LASC CRUCES
  • SEBASTIAN, THE KING