Radio Warszawa<small></small>
Emergenti − Alternative − new-wave

Radio Warszawa

Radio Warszawa

2019 -
06/12/2019 - di
Attiva dal 2001, Radio Warszawa è passata attraverso diversi album (tra cui I e II), intensa attività live (passando anche per Italia Wave Marche), cambi di line – up e lunghi periodi di pausa. Dal 2017 la formazione marchigiana è composta da: Paolo Santamarianova (chitarra e voce, presenza costante e colonna portante del progetto), Carlo Traballoni (chitarra e voce), Diego Tortolini (basso), Fabio Portinari (batteria).

L’omonimo disco Radio Warszawa riflette l’amore per il dark e la new wave anni ’80, per gli Smashing Pumpkins e Greg Dulli, rielaborati in linee melodiche maggiormente fruibili.

Se l’iniziale Through Sinking Ruines ha dalla sua un ritmo decisamente incalzante e orecchiabile, episodi come Anne Katherine Vej soprattutto nelle parti vocali riportano alla dolente densità dei The Cure. Warsaw 1944 ricostruisce la cupezza della città polacca durante l’occupazione nazista e il suo tendere alla libertà. Ossessiva e pulsante al punto giusto è Control.

Delicatamente ipnotica è Rooms Without a View - the Ride mentre Death of a Banker ha un qualcosa di epicheggiante. Nel complesso Radio Warszawa è un buon disco, che sul palco ha sicuramente delle potenzialità espressive forti. Tuttavia nell’ascolto, pur piacevole, manca qualcosa che incateni all’ascolto e faccia dire: “Questa è Radio Warszawa!”

Il che è un peccato, data la passione che traspare dai brani. Eppure basterebbe davvero poco per accendere la scintilla.

Track List

  • Through Sinking Ruines
  • Anne Katherine Vej
  • Kissing Tongues
  • Distances
  • Endgame
  • Warsaw 1944
  • Control
  • Replicas
  • I Hope That What I Saw Was You
  • Rooms Without a View - the Ride
  • Memories Of a Misfit
  • Death Of a Banker
  • Mirrors
  • Petals (Reprise)