My Name Is<small></small>
Jazz Blues Black − Jazz − freee jazz, fusion

Peppe Santangelo Nu Quartet

My Name Is

2019 - Music Center
14/04/2019 - di
Il Peppe Santangelo Nu Quartet, è un ensemble assai raffinato che nasce nella provincia di Varese e propone un insieme di free-jazz, nuove tendenze e perché no al tempo stesso, anche dei suoni più convenzionali e tradizionali.

Peppe Santangelo, siciliano, nato a Sciacca (Agrigento) nel 1981, è un sassofonista che si innamora del sassofono all’età di 14 anni dopo un folgorante ascolto di John Coltrane. Dopo aver studiato da autodidatta si specializza nel sax e nel flauto. Segue i corsi di Musicologia all’Università di Palermo e si laurea con una tesi Musicologica sul Jazz nel 2007.

Diplomatosi in sax nel 2010 e trasferitosi a Milano, entra a far parte dell’Orchestra civica. Oggi Santangelo più che mai è un ottimo compositore impegnato in numerose proposte musicali a proprio nome e anche come side-man in progetti originali o con alcune big band.

Nel 2017 pubblica Darshan, una parola che nella lingua sanscrita dell’India significa visione o vista ma per l’autore ha molteplici significati sia teologici che verbali e vuol dire in questo caso guardare direttamente che assume qui un’importante esperienza spirituale. Edito per la Alessio Brocca Edizioni Musicali come Apramada Project (che in tibetano significa pensiero cosciente) èun singolare quartetto con suoni onirici e magnetici che trasudano l’anima mediterranea dei quattro musicisti ed appartenente ad un ipotetico viaggio sonoro in tutti i mondi di nostra conoscenza.

Nel Luglio del 2018 Peppe Santangelo esce con Trust dello Streeet-Wise Quartet insieme a Giovanni Sanguineti, contrabbassista di Genova.

Il Peppe Santangelo Nu Quartet invece, è unaformazione con Peppe Santangelo (sax tenore e composizione), Yazan Greselin (organo hammond, rhodes, tastiere), Francesco Di Lenge (batteria) già nel Street-Wise Quartet e Gabriele Orsi (chitarra). My Name Is è il nuovo lavoro interamente ideato da Peppe Santangelo che ha composto i 9 brani contenuti nel CD.  Peppe ed il suo gruppo partono dall’intenzione di rielaborare idee e frammenti o composizioni di alcuni musicisti che hanno fatto la storia del jazz e mostri sacri come ad esempio John Coltrane, Wayne Shorter, Dexter Gordon, Thelonious Monk, Horace Silver, Chris Potter, Sonny Rollins e Pat Metheny per poi stravolgerle in senso positivo e proporle in una nuova e personalissima versione. Difficile misurarsi con artisti così importanti ma l’idea di Santangelo è giusta e sacrosanta nel volersimisurare con loro solamente per credere in un nuovo sound, aggiornato e moderno che prende spunto dagli standard del jazz ed avventurandosi in un nuovo percorso artistico.

Peppe costruisce la sua musica con risvolti filosofici ed esoterici riunendo a sé musicisti eccellenti, riuscendo a creare il giusto feeling e rivisitando in maniera personalissima alcune idee appartenute ai grandi musicisti del passato da lui citati.

Un quartetto di jazz fusion dal sound marcato ed efficace con intrecci sonori poliritmici dove si sovrappongono parti di ritmo diverso ed architetture armoniche e sonore assai interessanti. My name is contiene 9 pezzi a cui Santangelo ha voluto dare i titoli dei suoi eroi, in primis Sonny (Rollins) di oltre 9 minuti dallo svolgimento vellutato a cui seguono via via Horace, Dexter, Pat, Wayne, Thelonious, John, Chris e per finire con Peppe’s groove. Spiccano sicuramente motivi contagiosi come Horace  o Thelonious e l’iniziale Sonny dai suoni inebrianti e variopinti mentre Peppe’s groove chiude in bellezza con sonorità funk/soul.

Una formazione dalla forte identità espressiva, ricca di spunti, con degli assoli di Peppe Santangelo davvero ipnotici e riflessivi in cui ci si tuffa nel Contemporary jazz, free-jazz e fusion.  

 

Track List

  • Sonny
  • Horace
  • Dexter
  • Pat
  • Wayne
  • Thelonious
  • John
  • Chris
  • Peppeā€™s Groove