Catch-flame!<small></small>
Rock Internazionale

Paul Weller Catch-flame!

2006 - V2

31/08/2006 di Christian Verzeletti

#Paul Weller#Rock Internazionale

Quanti seguono la carriera di Paul Weller sanno bene come negli ultimi due anni questo musicista inglese sia tornato a suonare con la consistenza rock dei suoi tempi migliori. Ne ha dato prova con l’ultimo album in studio, “As is now”, e soprattutto con un tour che ha toccato anche l’Italia proponendo uno dei migliori concerti del 2005.
“Catch-flame!” è la testimonianza di questa vena che Weller ha ritrovato facendo leva sulla sua natura più coriacea grazie ad una formazione robusta che tra chitarre e keyboards compatta un suono che va dal pop-rock al r&b, dal soul al funk sfiorando la psichedelia nelle tracce più dilatate.
Superati gli esercizi compassati di alcune prove in studio e recuperati il tiro e il carico che per forza di cose mancavano all’acustico “Days of speed”, questo doppio live è un disco di classe e di stomaco come risulta subito dalla sequenza delle prime cinque canzoni: è un rock secco, ben marcato anche dalla batteria che si fa sentire sui piatti. Anche quando offre una manciata di ballate acustiche, Weller si dimostra un signor autore e un rocker di lusso, forse il meglio invecchiato dei figli del punk: sa quando tenere un pezzo in tre minuti e quando invece liberarlo come succede nel medley di “Porcelain gods/Walk on gilded splinters” dove va a braccetto con le cadenze bluesy di Dr. John.
Per questo nel secondo cd riprende dove ha chiuso col primo con un paio di pezzi lunghi, ma non privi di impatto: “In the crowd” e “Foot of the mountain” sono un concentrato rock che fonde l’energia degli Who con la psichedelia anni ’70. E dopo un ulteriore siparietto acustico da perfetto entertainer che fa cantare il pubblico, Weller ricomincia a tirare: il finale è un crescendo che ribadisce ancora una volta la quantità di musica nera presente nel suo DNA. Sublime e coinvolgente il soul di “Broken stones” che passa nei tocchi funk di “Long hot summer” per finire con una doppietta che manda in visibilio il pubblico: “Shout to the top” e soprattutto “A town called Malice” riportano al periodo in cui Londra vibrava al ritmo di blues e r&b taglienti come pezzi punk.
Certo, tutti continueremo sempre a chiamare Paul Weller un mod, come se fosse parte di una casta di sopravvissuti e decaduti, ma lui dimostra di avere più palle di tanti suoi colleghi britannici più o meno giovani che passano il tempo a tirarsela invece che a suonare.
Non per niente è cresciuto suonando i pezzi degli Who, guardando i Sex Pistols e ascoltando black music. Da lì viene quella fiamma che “Catch-flame!” riesce ancora a far bruciare con passione e professionalità.

Track List

  • Cd doppio

Articoli Collegati

Paul Weller

On Sunset

Recensione di Gianluca Crugnola

Paul Weller

Live Report del 10/09/2017

Recensione di Giovanni Sottosanti

Paul Weller

Sonik Kicks

Recensione di Riccardo Santangelo

Paul Weller

Live Report del 09/07/2008

Recensione di Vito Sartor

Paul Weller

22 dreams

Recensione di Massimo Sannella

Paul Weller

As is now

Recensione di Luca Meneghel

Paul Weller

Days of speed

Recensione di Christian Verzeletti