Ergo Sum<small></small>
Italiana − Pop − Indie-pop, electro-pop, alternative songwriting

Paletti

Ergo Sum

2013 - Foolica Records
19/05/2013 - di
Vago nei ricordi del passato, tutto quello che ho creduto fino a ieri, combattuto senza dubbio né rimorso io l’ho visto, l’ho vissuto”. Forse la chiave per capire quella sensazione che ti lascia un disco come Ergo sum di Paletti è rinchiusa proprio nei ricordi (e I ricordi è il titolo da cui è tratta la frase citata all’inizio), in quel pescare dal passato e nel contempo guardare al domani, una leggera malinconia con una spruzzatina di buoni propositi, una voglia di vivere senza dimenticare ciò che si è stati e le strade che si sono percorse per arrivare a dove si è adesso.

Il tuffo nel passato senza lasciarsi sfuggire il presente non è solo rappresentato dai testi, ma anche e soprattutto dalle melodie delle otto canzoni che compongono Ergo sum: siamo in piena era Battisti e a ricordarcelo sono le melodie, il modo di cantare, l’architettura semplice delle canzoni.

Nonostante il riferimento battistiano, Ergo sum trasuda una personalità propria, fortemente presente nei testi autobiografici che rimandano a situazioni in cui più o meno ci siamo ritrovati tutti. E sarà questo, mescolato a dei ritornelli molto vivaci, a portarti a canticchiare quasi meccanicamente canzoni come Cambiamento e Senza volersi bene ovvero i due brani di punta del disco, caratterizzati da melodie ipnotiche e ritornelli che suonano come piccoli slogan: “Non c’è più, non c’è, non bastano rivolte e religione, il cambiamento spetta alle persone prima individualmente e poi collettivamente arriverà” (Cambiamento); “Non si può stare senza volersi bene te lo dice tua mamma, il dottore, le brave persone. Si può campare senza volersi bene ma una donna, un cane, qualcuno da amare conviene” (Senza volersi bene).

Composto da otto canzoni, Ergo sum si presenta come suddiviso in due parti in cui le prime 4 canzoni sono quelle ipnotiche dal ritmo incalzante e le altre 4 sono esattamente l’opposto: lente, quasi scarne. In venticinque minuti Paletti dunque mostra le sue due anime, quella pop e quella un po’ più cantautorale, in cui le frasi slogan lasciano spazio a una prosa meno pensata, più spontanea.

Un disco per accontentare le due anime contrapposte che caratterizzano ciò che siamo e un artista da tenere sicuramente d’occhio.

Track List

  • CAMBIAMENTO
  • PORTAMI VIA
  • SENZA VOLERSI BENE
  • MI SON SCORDATO DI ME
  • ANGELINA
  • I RICORDI
  • LE FOGLIE
  • FANTASMI

Paletti Altri articoli