Cirko guerrini<small></small>
− Italiana, Jazz

Mirko Guerrini

Cirko guerrini

2006 - Giotto Music
07/06/2006 - di
Mirko Guerrini è un sassofonista fiorentino che dovrebbe essere noto tanto agli appassionati di jazz quanto a quelli di musica leggera: ha suonato tra i tanti con Dave Liebman, Kenny Wheeler, Roberto Gatto, Stefano Battaglia, ma anche lavorato con Giorgio Gaber, Fiorella Mannoia, Marco Parente ed altri musicisti più pop.
Attualmente è in tour con Ivano Fossati e con Stefano Bollani, con i quali ha una collaborazione avviata da tempo: ha infatti partecipato anche ai loro ultimi dischi in studio, “L’arcangelo” e “I visionari”.
“Cirko Guerrini” è uno dei suoi tanti progetti e, pur essendo costruito su di un’impostazione jazz, mette in evidenza la natura giocosa di questo musicista. Nonostante sia interamente strumentale e suonato con Saverio Tasca (marimba, vibrafono e percussioni), Mauro Grassi (pianoforte), Daniele Mencarelli (contrabbasso) e Paolo Corsi (batteria, percussioni), non è un disco strettamente jazz: con un’approccio simile a quello de “I visionari” di Stefano Bollani viene sviluppato un jazz aperto, in cui trovano spazio slanci di musica leggera e popolare.
Attraverso le figure di personaggi come il trapezista, Mangiafuoco, la donna del lanciatore di coltelli e il clown triste, Guerrini imbastisce un concept che rappresenta il circo nella sua pienezza, dall’ilarità buffa alla commozione, dalla gioia condivisa durante lo spettacolo alla sognante malinconia che ne segue la fine.
Come Bollani, Guerrini ha un approccio ironico e composito: anche i brani più carichi di entusiasmo sono costruiti su strutture che, per quanto destino simpatie, sono più di semplici divertissement. Al disco partecipano anche in veste di ospiti Riccardo Tesi (organetto) e Rudy Migliardi (tuba, tramobone), che contribuiscono alle sfumature popolari, quasi da banda del paese in più di un pezzo.
Spiccano l’entrata saltellante de “La sigla”, le marce di “Il giocoliere”, “Mangiafuoco” e “Il pinguino”, ma anche tracce più raccolte come “Il clown” e “Lo spazzino del Cirko” sfiorate da un soffio commovente in cui si riconosce il tocco melodico dell’autore.
Gli strumenti arrivano spesso a “mimare” i personaggi del circo, assecondandone i movimenti come la colonna sonora di un film muto. A tratti vengono in mente anche Fellini e alcune arie della musica italiana del secolo scorso, ma soprattutto Guerrini è bravo ad eseguire numeri dotati di una capacità immaginifica che dalla sua testa passano direttamente a quella dell’ascoltatore.
Da buon fiorentino Mirko Guerrini combina un’attitudine colta e scherzosa, concettuale e divertente: il suo è un disco ricco di jazz, ma di un jazz atipico, spassoso. Da gustare.

Track List

  • Il Cirko si sveglia|
  • Sigla|
  • Il trapezista|
  • Il giocoliere|
  • Never in right shoes|
  • Mangiafuoco|
  • Il clown|
  • La moglie del lanciatore di coltelli|
  • La contorsionista|
  • Il pinguino|
  • Sigla di chiusura|
  • Lo spazzino del Cirko|
  • Il Cirko se ne va

Mirko Guerrini Altri articoli