Il senno del pop<small></small>
Italiana • Canzone d`autore • mediterranea

Mirco Menna Il senno del pop

2017 - Volume!

21/03/2018 di Barbara Bottoli

#Mirco Menna#Italiana#Canzone d`autore

Un artista completo, poliedrico, il vincitore al Premio Tenco, compositore di successi musicali e sigle, attore e autore cinematografico e teatrale, Mirco Menna riesce a condensare la propria eccletticità nel suo nuovo album Col senno del pop, composto da dieci tracce propriamente cantautorali tra suoni latini e armonici. Brani che seguono la propria strada, nascendo da un'istantanea iniziata da una sensazione riproposta senza un prima e un dopo, ma concentrandosi solo sull'istante, come una vera emozione travolgente e talmente totalizzante da dimenticarsi del resto, come accade durante l'ascolto, nel quale si viene assorbiti dalle sensazioni che sembrano modificarsi di volta in volta, prima rapiti dalla musica, poi dall'intepretazione che sembra essere una scena teatrale che pone Mirco Menna su un palco accanto all'ascoltatore in un monologo esclusivo.

   Col Senno del pop è uno di quegli album che non possono essere di sottofondo, ma richiedono attenzione, un'attenzione che aumenta con gli ascolti, in uno scambio interiore che gratifica e amplifica lo spazio sensoriale. Brani apparentemente “semplici” che contrastano con quelli più intimi, ma per concludere che i primi ascolti sono fuorvianti e di improvvisato non c'è nulla, anzi ogni particolare sembra rendere la scelta necessaria, anche nella minimale Così passiamo con la voce di Menna alternata a quella di Silvia Donati tra i frantumi del finito insito in ogni essere umano. I suoni del sud, tra Mediterraneo, Brasile, Argentina riescono a trasmettere sia il calore che la leggerezza, oltre allo struggimento, proprio perchè mancano completamente i legami in questo album, ma che si fonda proprio sui legami dell'esistenza come si legge bene in Portati da un fulmine con gli occhi di chi è cresciuto nei confronti di chi cresce perchè “allungate i pantaloni più stoffa maggiore età”, o in Sole nascente dando vita al dipinto di Giuseppe Pellizza di Volpedo, rivedendo le varie sfacettature della vita e poi gli abbandoni nella lenta milonga di Ora che vai via che riporta alla pura scuola cantautorale composta da fotografie di grandi emozioni semplici e sincere per “chiedersi un altro arrivederci”.

   Le due bonus track Da qui a domani, successo live con la Banda Avola, già inserita in E l'italiano ride, e conlcude Col senno del pop la gaberiana Chiedo scusa se parlo di Mariaqui riproposta con tutto il cuore”, anticipate da Prima che sia troppo tardi in coppia con Zibba. Mirco Menna ci regala interpretazione, suoni, testi ricchi con una nostalgica attenzione all'ascoltatore che trae importanza dall'accuratezza totale di un album che  si ricambia con l'opportuna lentezza dell'ascolto, dedicandovi tempo e libertà emotiva per ciò che arriva.

Track List

  • Portati da un fulmine
  • Arriverai
  • Così passiamo
  • Sole nascente
  • Il descaffalatore
  • Ora che vai via
  • Prima che sia troppo tardi
  • Il senno del pop
  • Da qui a domani
  • Chiedo scusa se parlo di Maria

Articoli Collegati

Mirco Menna

SeStoQui (e` perche` VI voglio bene)

Recensione di Laura Bianchi

Mirco Menna

Io, Domenico e tu

Recensione di Mario Bonanno