Torneranno i poeti<small></small>
Italiana − Canzone d`autore − Folk

Michele Scerra

Torneranno i poeti

2017 - Carro Matto
22/02/2018 - di
Torneranno i poeti è il primo album solista di  Michele Scerra, cantautore calabrese nato nel 1982.

Michele si forma artisticamente a Firenze e, dopo aver fatto parte di alcuni gruppi tra folk e canzone d’autore, nel 2008 fonda con altri musicisti  l’Orchestra del Rumore Ordinato con cui pubblica due interessanti e promettenti lavori, Mestierante (2009) e soprattutto l’ottimo La Terra ( 2012), svolgendo contemporaneamente  una intensa attività live che porta il gruppo sui palchi del Tenco Ascolta, del Buscadero Day , del Townes Van Zandt International Festival oltre ad altre importanti manifestazioni, e a dividere il palco con artisti importanti come Tom Russell, Robyn Hithcock , Bocephus King, The Gang e Massimo Bubola.

La band si scioglie e nel 2014 Michele Scerra ritorna nella sua terra, a Crotone, ed inizia un percorso da solista  che trova oggi la sua prima uscita discografica con questo interessante album.

Siamo nei territori della canzone d’autore e il folk-blues che riflettono  le sue esperienze di  vita metropolitane e le storie e i ritmi dell’amato Sud, con testi che riguardano l’amore, la passione,  la bellezza, la libertà, ma anche i conflitti sociali e i pesanti condizionamenti di questa società.

Nove brani  tutti scritti da Michele Scerra, con prevalenti tinte scure, densi  di ironia ed amarezza, ma sempre in punta di piedi, senza eccessi,  con grande sensibilità, poesia e amore, e una notevole dose di idealismo che lasciano intravedere  sempre una speranza nel futuro, nei valori, nei pensieri per le cose  veramente importanti della vita.  

Michele Scerra, che oltre a cantare suona  chitarra, synt e percussioni, è accompagnato da validi musicisti come Davide Calabretta alla batteria, Giovanni De Sossi al basso,  il grande virtuoso Fulvio Renzi al violino e viola, Gianfranco De Franco a diversi strumenti a fiato e synth, e Gianfilippo Boni alle tastiere ealla parte elettronica.

Il brano  iniziale, Alina e Vincenzo, è una splendida ballata “nera” di puro stampo DeAndreiano, e racconta la storia di un amore mancato che finisce tragicamente, tra una bella e giovane prostituta e un carpentiere, Più niente da prendere, che è stato il brano, e il video, che ha anticipato l’album, è forse il brano migliore del disco, con le sue pesanti critiche sociali ma sempre con la speranza di avere  nella vita fantasia e bellezza “…torneranno i poeti , e saranno gli esegeti …. torneranno i fantasisti , moriranno i mediani …. torneranno i “cinemini”, moriranno i 3D….torneranno i vinili, son già morti i CD…” , e i due brani con forse maggiori connotazioni  politiche/sociali  : Il volo del brigante , soffice nei suoni ma dura nei testi, ricchi di protesta e ribellione, e Annegano, deliziosa canzone d’autore da camera, dove è ancora più forte il contrasto tra la dolcezza della musica e il testo “…..E’ il profitto che conta e non le persone, E’ la sconfitta più amara dell’uomo al potere, Sei mangiato soltanto dalla smania di avere, Ti consuma il piacere di accumulare …” .

Da segnalare anche Il Circo Gelsomino già presente nell’album La Terra  dell’ Orchestra del Rumore Ordinato, un grande testo arricchito da un  trascinante valzer circense, brano già menzione speciale per il miglior testo al Premio Bindi 2014, Omega ed Alpha, crudo e minimale folk blues desertico, e la conclusiva 1,618 song , con una splendida melodia, grande canzone d’amore malinconia e poetica “…perché amarsi è da tutti , E’ capirsi che fa la differenza …” che conclude alla grande un album che si mantiene sempre ad alti livelli.

Delicato e poetico, con testi intelligenti e mai  banali  e ottimamente suonato, Torneranno i poeti è un disco che colpisce e fa riflettere. Si ascolta con piacere ed è un ottimo inizio per una carriera solista che, visto il talento espresso in questo riuscito lavoro, potrebbe riservarci ulteriori  belle sorprese per il futuro .  

Consigliato.

Track List

  • Alina e Vincenzo
  • PiĆ¹ niente da prendere
  • Il volo del brigante
  • Come glicine
  • Annegando
  • Non nominare la fine
  • Il circo Gelsomino
  • Omega ed Alpha
  • 1,618 song