Sorte<small></small>
Emergenti • Alternative • alt rock, shoegaze, post rock

Laika Flee! Sorte

2020 - Autoprodotto

27/01/2021 di Alfonso Fanizza

#Laika Flee!#Emergenti#Alternative

Tutto ha inizio, nel 2014, nella periferia di Terni tra le quattro mura di un garage, dove inevitabilmente per ottemperare alla noiosa routine giornaliera la musica diventa la valvola di sfogo più efficace. Un posto dove i repentini cambi di stagione hanno rafforzato ancor di più l’amicizia di tre giovani ragazzi (Federico Madolini, Thomas El Honsali e Alessandro Medori), un’amicizia che ha portato, di conseguenza, alla nascita dei Laika Flee!.
Nome curioso il loro, ma nell’immaginario collettivo dei tre ragazzi ternani è inevitabilmente il richiamo alla figura della nota cagnolina protagonista della spedizione spaziale sullo Sputnik 2, al quale avrebbero voluto gridare “Laika fuggi!” (Laika Flee!) visto il tragico destino al quale era destinata.

In tutti questi anni, passati a riordinare le idee e a convertire in musica influenze, pensieri e stati d’animo alla ricerca di uno stile musicale ben definito, il trio ternano ha portato a termine la composizione dei brani da far confluire nel loro primo lavoro d’inediti. Registrato in soli cinque giorni, “Sorte” è il promettente disco d’esordio con il quale i Laika Flee! si presentano al pubblico italiano. Figlio di un’appassionante indole al genere alternative rock, in voga a cavallo tra gli anni novanta e gli anni zero, trasudante influenze post – rock e sfumature shoegaze, il disco si presenta come un lavoro semplice e autentico, nel quale la band ternana ha confluito, in modo diretto, le proprie esperienze di vita, manifestate tra suoni ambientali e pacate esplosioni noise.
Un viaggio musicalmente nostalgico ma anche sentimentalmente furioso, delicato e spigoloso allo stesso tempo, composizioni cariche di inquietudini e ansie divise tra situazioni strumentali e cantate. Al limite del lo – fi, il cantato si fa portavoce di una testualità che rivela “la paura di non farcela, di non essere accettati o compresi e situazioni vissute nel modo sbagliato”. Tra disagio esistenziale e incertezze future, i brani affrontano tematiche attuali come può essere la “precarietà emotiva e sociale del mondo attuale” dovuta anche all’uso smodato dei social, tema centrale del primo singolo estratto dal disco “Cosa vuoi?”, precarietà ostentata sin dall’interrogativo iniziale: “Non ho capito cosa cerco”. D’altra parte, i versi si snodano tra la necessità di crescere (“raccontami com’era essere felice credendomi migliore/ convincimi che è giusto anche bruciare le tappe per essere all’altezza”) in “Supereroi”; i “Rimpianti” (“abbiamo calpestato la speranza dando ragione a chi parla e non pensa/ ci siamo fatti fregare la possibilità di scelta”); la consapevolezza del male di vivere (“Non riesce a combinare le sue tante sfumature/ è stanca e lei lo sa che a vivere ci si fa male/ le sue ragioni la fanno meno bella/ le sue ragioni la fanno più vera”) in “Non sei la sola”. Ma non solo, le canzoni del disco setacciano anche altri aspetti esistenziali come noia, angoscia, debolezza altrui, disorientamento e buio fino a far affiorare quelle insicurezze umane nascoste dietro infelicità, indifferenza, indipendenza e ipocrisia: “Continueremo a guardarci allo specchio per sentirci accettati/ suoneremo il clacson come gli 80enni perché non abbiamo più tempo/ compositori della realtà/ passare i giorni di festa da soli, per attirare l’attenzione./ Cosa dici a tutti quelli che ti credono felice? (“Andrà tutto bene”). Dal punto di vista musicale, il trio ternano, nella sua classica formazione chitarra – basso – batteria, segna una rotta chiara in direzione di un alternative rock dall’indole immediata e sbrigativa, mentre i brani scorrono rimarcando sonorità che richiamano alla mente il sound di alcune band del periodo come, ad esempio, i Verdena, senza snaturane la propria attitudine.

Pur non apportando nulla di originale, possiamo considerare questa loro prima prova un buon punto di partenza per il lavori futuri.

Track List

  • Addio
  • Rimpianti
  • Supereroi
  • Fuggi!
  • Rimpianti
  • Al largo delle Antille
  • Cosa vuoi?
  • Non sei la sola
  • Andrà tutto bene

Articoli Collegati

Laika Flee!

Special 02/12/2020

Recensione di Ambrosia J. S. Imbornone