Budapest Concert<small></small>
Jazz Blues Black • Jazz

Keith Jarrett Budapest Concert

2020 - Ecm

15/12/2020 di Pietro Cozzi

#Keith Jarrett#Jazz Blues Black#Jazz #Budapest #Béla Bartók National Concert Hall

Mentre ancora risuona l'eco dolorosa della sua ultima intervista al New York Times, in cui Jarrett rivela di non sentirsi più un pianista dopo i due terribili ictus del 2018, diventa difficile depurare l'ascolto di questo Budapest Concert dall'inevitabile carico di emotività che si porta dietro, facendoci sovrapporre momenti e sensazioni che andrebbero tenuti separati. Questo non è, in tutta evidenza, il suo ultimo concerto, e anzi precede di un paio di settimane Munich 2016, che appartiene allo stesso tour europeo ed è la sua più recente uscita discografica. Per una volta però un po' di confusione può soccorrerci nell'abbraccio a uno dei più grandi musicisti dell'ultimo scorcio del Novecento e dell'inizio di questo terzo millennio, lasciando finalmente da parte certi pregiudizi sul personaggio, i suoi vezzi, le sue manie, i suoi difetti. Presentato come una sorta di ritorno a casa per il jazzista, che proviene da una famiglia di origini ungheresi, e introdotto da una magnifica copertina, il doppio cd gode dell'altissima stima del suo artefice, che lo considera il “gold standard” con cui confrontare tutte le sue performance soliste. Solo il tempo e gli ascolti ci diranno se possiamo convenire con lui, e se dobbiamo aggiornare podi e classifiche, ma di sicuro la sfida e l'enorme piacere di seguirne i percorsi, a tratti criptici e poi all'improvviso così incredibilmente diretti, si rinnovano ancora una volta.

Lungo le 14 sezioni del concerto (bis compresi) la sensazione è quella di assistere a uno svelamento sempre più completo ed emotivamente coinvolgente dell'artista e della sua arte, in una progressione che va dal complicato cerebralismo della Part I fino al sabba blues della Part XII, introdotto dall'applauso entusiasta della platea. Nella lunga cavalcata, l'ennesima di una sequenza di concerti che formano ormai un corpus ineguagliato e ineguagliabile, il cervello lascia sempre più spazio al cuore, liberando la consueta geniale capacità di compositore on the spot che mescola musica “alta” e swing, jazz e canzone popolare, la densità oscura di certi passaggi con il librarsi di melodie tenerissime. Racchiuse nel primo cd, le quattro tracce iniziali necessitano pazienza e attenzione nell'ascolto, ampiamente “ricompensate” – se così si può dire – dallo scrigno di tesori stivati nel favoloso secondo cd, più immediatamente rilucente e accessibile.

Insieme al fraseggio spezzato e contorto della lunga Part I, dove a turno la mano sinistra e la mano destra si prendono il centro della scena, il cuore pulsante del concerto si può forse individuare nella sequenza V-X. Alla ballad old style della Part V, che sembra uscita da un songbook degli anni Trenta-Quaranta, segue lo stile bop della Part VI, capace di fondere senza soluzione di continuità Monk e Powell e risolversi in una chiusa perfetta. Part VII riecheggia invece lo stile del Koln Concert e mostra la classica tecnica di costruzione melodica improvvisata di Jarrett, con un approccio che si fa sempre più caldo e delicato, fino al crescendo gospel finale. Vi si rispecchia la successiva Part VIII, che prosegue sulla stessa linea nel segno di una ancor maggiore fragilità e introspezione, allineando una progressione di tre sezioni differenti. A spezzare l'atmosfera sognante provvede la Part IX, in cui il pianista ingaggia un corpo a corpo con il suo strumento producendosi in una velocissima “folata” di ispirazione free. È un breve excursus a sé stante, prima di lasciare spazio, dopo un'introduzione piuttosto contrastata, all'accordo ostinato di Part X, che funziona da appiglio sicuro sul quale sviluppare una variegata sequenza di improvvisazioni. Prima dei bis, ci resta il tempo di abbandonarci alla Part XII, esaltante campionario di manierismi blues che nelle mani di Jarrett diventa magia. Vien voglia di alzarsi e ballare: sarà riuscito a resistere alla tentazione il pubblico della Béla Bartók National Concert Hall?

 

 

 

Track List

  • Part I
  • Part II
  • Part III
  • Part IV
  • Part V
  • Part VI
  • Part VII
  • Part VIII
  • Part IX
  • Part X
  • Part XI
  • Part XII-Blues
  • It`s A Lonesome Old Town
  • Answer Me

Articoli Collegati

Keith Jarrett

Live Report del 23/11/2015

Recensione di Fausto Gori