Lean On Me<small></small>
Jazz Blues Black − Jazz − Nu Soul

José James

Lean On Me

2018 - Blue Note
10/10/2018 - di
Un disco affascinante e magnifico per palati fini, dalle sonorità e raffinatezze jazz, suonato e cantato in maniera a dir poco esemplare.

José James nasce il 20 Gennaio 1978 a Minneapolis ed è un affermato musicista di modern-jazz, acid jazz, hip-hop e neo-soul. Compositore, band-leader, cantante e chitarrista. Ha collaborato e suonato nei dischi di numerosi artisti tra cui l’italiano Nicola Conte (DJ, produttore, arrangiatore) nel 2008 e nel 2011 (acid-jazz), con Chico Hamilton (2009) ed anche con gruppi di musica elettronica come il duo inglese Basement Jaxx in qualità di ospite. Sin dal suo debutto José ha ridefinito i canoni della voce maschile nel jazz, con un accattivante mix di urban-soul e jazz moderno.

Misurandosi con l’immensa eredità musicale dei suoi mentori: John Coltrane, Miles Davis, Charlie Parker, Marvin, Gaye, Thelonious Monk, Lou Rawls, Bill Whiters, Billie Holiday e dei più grandi interpreti, José James continua con successo a smussare i confini tra i generi musicali, con una grande capacità di trasmettere in maniera spontanea gioia e sentimento al suo pubblico.

Dotato dalla natura di una voce vellutata e profonda, baritona e calda, che ricorda artisti del calibro di Terry Callier, Jon Lucien,Gil Scott-Heron e ripeto Lou Rawls.

Nel 2008 debutta con un album The Dreamer a cui seguono 7 dischi, ivi compreso questa nuova realtà, Lean On Me in cui esegue, ri-arrangia, canta e suona 12 brani di Bill Withers.

Nativo di Slab Fork, un paesino della West Virginia, Bill Withers, nato il 4 Luglio del 1938 è un sofisticato cantante soul, blues e R & in attività dal 1963 al 1985 oltre ad essere un grande autore di splendide canzoni.  Nel 1970 incontra Booker T. Jones che apprezza il suo stile tanto da produrgli il suo primo album Just As I Am del 1971.

La sua bellissima Ain’t No Sunshine (da autentica pelle d’oca) pubblicata come singolo nel Settembre del 1971 vende oltre un milione di copie e si aggiudica un Grammy Award come miglior canzone R & B arrivando al terzo posto nelle classifiche di vendita statunitensi. Il tutto si ripete con Just Two Of Us che nel 1982 vince un Grammy Award in coppia con il sassofonista Grover Washington Jr.  Nel 1987 è la volta di Lean on me che vince un altro Grammy Award e nel 2007 entra a far parte della Grammy Hall Of Fame.  

Facile dunque pescare nel vasto repertorio di Bill Withers, un artista dotato di un grande feeling,  una notevole raffinatezza nonché essere un performer suggestivo ed un sensibile autore di autentici classici e brani davvero assai riusciti in cui Soul, R & B e Blues vanno a nozze.

José James (look alla Lenny Kravitz) però ci mette del suo e l’interpretazione dei brani è davvero esemplare, sia per il modo di cantare che per gli arrangiamenti assai curati.  Un disco prodotto da Don Was in cui José si fa accompagnare da ottimi musicisti, oserei dire i migliori sulla piazza, da Pino Palladino al basso a Lenny Castro (congas, shaker, tambourine), da Brad Allen Williams alla chitarra elettrica e acustica a Kris Bowers al piano e organo hammond e Nate Smith alla batteria.

L’inizio del disco è di per sé già vincente, con una versione di Ain’t No Sunshine da brividi e dove emerge tutta la grande classe del gallese Pino Palladino al basso e di José James alle tastiere e al canto. A seguire Grandma`s Hands (con i virtuosismi di pianoforte jazz e la voce di José a ricordare Lou Rawls), la funkeggiante e piacevolissima Lovely Day con ospite Lalah Hathaway (figlia di Donna Hathaway), Lean On Me (piccolo capolavoro) che dà il titolo all’opera, Kissing My Love dal ritmo di funky moderno ed il flauto di Dave McMurray.

Brillano di luce propria anche Use Me dalla ritmica pulsante, organo hammond ed i fiati (tromba, sax e trombone) ed ancora Who is He, Hello Like Before (slow di grande atmosfera suonato al pianoforte sulla punta delle dita) e Just The Two Of Us (un altro motivo meraviglioso) con Takuya Kuroda in veste di arrangiatore dei fiati (sax, tromba e trombone), jazz d’alta classe. Hope She’ll Be Happier dimostra tutta la maestria e le qualità canore di José James per poi concludere con il piacevole neo-soul/funky di The Same Love That Made Me Laugh e Better Off Dead.

Un disco sontuoso, elegante, raffinato, prezioso.

Track List

  • . Ain’t No Sunshine
  • . Grandma’s Hands
  • . Lovely Day feat. Lalah Hathaway
  • . Lean On Me
  • . Kissing My Love
  • . Use Me
  • . Who is He
  • . Hello Like Before
  • . Just the Two Of Us
  • . Hope She’ll Be happier
  • . The Same Love That Made Me Laugh
  • . Better Off Dead