Vago svanendo<small></small>
− Italiana, Pop

John De Leo

Vago svanendo

2007 - Carosello Records
10/01/2008 - di
Quattro note accennate da un pianoforte, seguite da un´inquietante silenzio e da suoni disturbanti, introducono l´abbondante ora di ascolto di “Vago Svanendo”, primo disco solista dal titolo sciogli-lingua di John De Leo, che tutti ricorderete come frontman dei Quintorigo.
Ritorna così in pista, dopo tre anni, una delle figure più discusse della scena musicale italiana con un disco tanto ostico quanto affascinante, in cui il formato canzone viene totalmente disgregato per lasciar spazio ad una sperimentazione basata sulla melodia, sul suono della parola e sull´accostamento di timbri.
In primo piano c´è sempre comunque la voce di John con la sua espressività e con la sua potenza, con i suoi toni caldi, con la sua voglia di superare i canoni e con il suo bisogno di giocare. Il risultato consiste, quindi, in undici pezzi originali, coinvolgenti ed eleganti a cui corrispondono altrettanti umori: dall´onirica title track, “Vago svanendo”, all´ironica e briosa “Tilt (C´è Mattia)” per finire all´ipersperimentale ghost track “Il concetto di Thelone” (di cui è stato fatto anche un clip contenuto nel dvd allegato al cd), solo per citarne alcune.
Il dubbio che il buon John abbia esagerato nello strizzare l´occhio al virtuosismo è più che plausibile, ma in nessun momento si ha l´impressione di sentire un ensemble che “si suona addosso” e la spregiudicatezza nell´esibire le proprie capacità è calibrata da studi attentissimi ai particolari: un esempio su tutti la costruzione di strumenti giocattolo per ottenere i suoni desiderati in “Bambino Marrone”.
Nel dvd poi potete trovare foto e corti con contributi di Alessandro Bergonzoni e Stefano Benni. Ma la collaborazione più incisiva all´interno dell´economia di “Vago Svanendo” è quella con Franco Naddei, già tecnico del suono dei Quintorigo, forte dall´esperienza solista come “Franco Beat”, progetto da lui ideato e promosso inquadrato nell´immenso filone del pop vagamente retrò, nel quale, però, in primo piano ci sono la musicalità della lingua italiana e le suggestioni ed emozioni che scaturiscono dagli accostamenti surreali delle immagini.

Track List

  • INTRO: 4 PIANO NOTES|
  • FREAK SHIP|
  • VAGO SVANENDO (LASUM STÈ)|
  • L´UOMO CHE CONTINUA|
  • CANZO|
  • TILT (C´È MATTIA?)|
  • SPIEGA LA VELA|
  • BIG STUFF|
  • BAMBINO MARRONE|
  • LE CHIEN ET LE FLACON|
  • SINNER

John De Leo Altri articoli