Twinkle Twinkle<small></small>
Italiana − Canzone d`autore

Ilaria Graziano Francesco Forni

Twinkle Twinkle

2018 - Lamastrock/Goodfellas
05/09/2018 - di
Twinkle Twinkle è il terzo lavoro di Ilaria Graziano e Francesco Forni ed esce a cinque anni dal precedente lavoro  Come2me e a sei  dall’eccellente esordio From Bedlam to Lenane .

In questi ultimi anni tuttavia la coppia di musicisti napoletani non è rimasta ferma  ma ha partecipato  a importanti colonne sonore  tra cui quelle dei film L’arte della felicità (2013) di Alessandro Rak, Un fidanzato per mia moglie (2014) di Davide Marengo, Maldamore (2014) di Angelo Longoni, Arance e martello (2014) di Diego Bianchi e Gatta Cenerentola (2017), lungometraggio d’animazione pluripremiato alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, e ha  avuto  una intensa attività live, con decine di date da Budapest a Praga, da Londra a Montreal, da Ginevra a Bruxelles, che ha arricchito le esperienze, non solo musicali, del duo e gettato le basi per la scrittura di molti nuovi brani, alcuni dei quali sono finiti in questo nuovo lavoro .

Twinkle Twinkle ( che bel titolo musicale !) include 11 brani, cinque a testa scritti singolarmente e un brano composto insieme.  4 pezzi sono cantati in italiano, 6 in inglese e uno in francese  (e  questa volta mancano brani in spagnolo), con arrangiamenti minimali che mettono in evidenza  le due belle voci, in particolare quella di Ilaria Graziano è veramente affascinante, la loro simbiosi vocale in alcuni pezzi  è perfettamente riuscita.  La strumentazione è piuttosto ridotta, con ukulele per Ilaria Graziani, chitarre e stomp box per Francesco Forni, oltre ad un piano in alcuni momenti .

Siamo in territori di art folk, indie, blues, gipsy, canzone d’autore, con alternanze di suoni caldi con ritmi coinvolgenti e ballate intime, tra introspettivo e malinconico, con un gusto un po’ retrò  e vintage .

I testi  toccano storie personali ed emozioni vissute  nei nostri tempi,  con arrangiamenti e suoni che riflettono le influenze e le esperienze dei diversi  paesi dove i due artisti si sono esibiti, rendendo il lavoro decisamente internazionale .

Brillante inizio con Chains, ritmato blues acustico, mentre Leftovers , primo singolo e video, lascia il segno per la bella melodia e i vocalizzi di Ilaria Graziano. Be Mine ,delizioso blues-folk,  sembra un brano uscito da un disco di Ben Harper, mentre uno dei momenti migliori del disco è Growing up, altro riuscito blues-folk che con la sua freschezza e gioiosità  ricorda alcune cose di Guy Davis.

Da segnalare la splendida La glace et la neige con la sua allegria contagiosa che vira da uno swingante inizio a cori e ritmi afro-funk , The Coldest Night  dove ci si immerge nelle atmosfere swing e gipsy tipiche del quintetto Hot Club de France o locali come il Cotton Club,  Your Eyes on Me che miscela soul, folk, blues e gospel, e che dopo una partenza  lenta accelera  il ritmo per arrivare ad un trascinante finale .

Tra i brani in italiano da ricordare  la lenta e melanconica ballata Sospesi  e  Diario , delicato brano folk cantato insieme, anche se si ha la sensazione che per i brani composti in italiano il livello sia leggermente inferiore rispetto a quelli  composti in inglese e l’ originalità non sia sempre presente, forse per una ricerca di maggiore fruibilità.   

Disco molto interessante che si mantiene sempre a ottimi livelli, per un duo che ha orizzonti musicali veramente estesi ed aperti, con un notevole talento compositivo e musicale, dove i brani più riusciti sono quelli cantati in inglese/francese .

Forse un consiglio per il prossimo album .   

Track List

  • Chains
  • Leftovers
  • Be Mine
  • Sospesi
  • Growing up
  • Your Eyes on Me
  • Diario
  • Solo un attimo
  • The Coldest Night
  • La Glace et la Neige
  • Passaggi