Greetings from Nowhere<small></small>
Italiana • Alternative

Horseloverfat Greetings from Nowhere

2021 - Ixtlan Research

13/08/2021 di Francesco Malta

#Horseloverfat#Italiana#Alternative

Fin dalla loro nascita nel 2017, i Horseloverfat hanno dimostrato una grande produttività, con praticamente una pubblicazione l'anno. Ecco arrivare quindi Greetings from Nowhere, a meno di due anni di distanza dal precedente lavoro Rotten Civetta.

Già dal titolo, l'album vuole indicarci il modo di intendere la musica del sestetto romagnolo. “Saluti da nessuna parte”, da un non luogo in cui i componenti della band mandano la propria mente in cerca di sensazioni e ricordi sonori, per poi mescolarli l'uno con gli altri fino a dare forma alle canzoni. Ed è da questo melting pot di idee che escono fuori i dodici brani dell'album che non hanno alcuna intenzione di seguire alcuna tendenza o moda attuale, ma hanno nel loro spirito la voglia, e la storia, di ogni singolo componente del gruppo.

Le idee sono tante e tutte ben utilizzate. La band svaria da brani furoreggianti (Artist, Bright and Best, Salamander) a toni decisamente più delicati e sognanti (Eggs, Illusions) passando per picchi psichedelici (Cascata) fino a sonorità più acide (Molokko). Ogni singolo brano di questo lavoro è una piccola scoperta, una continua curiosità di sapere dove andrà la band nel brano successivo. Ed ogni nuovo ascolto rivela tutta la profondità del disco.

Ed è per questo che è difficile catalogare la musica degli Horseloverfat, si potrebbero usare decine di etichette senza centrare a pieno il punto. Un disco che fa della sua superficie caotica il vero punto di forza. Gli Horseloverfat ci prendono e ci portano per quasi un'ora nella loro memoria musicale, rielaborandola e dando sfoggio di grandi capacità musicali.

Greetings from Nowhere risulta un disco dal suono estremamente internazionale, che c'entra poco o nulla con quanto prodotto in Italia negli ultimi anni, e proprio per questo meriterebbe un riscontro elevato da parte del pubblico. Più che un disco, questo album, si rivela essere un'esperienza sonora. Una di quelle decisamente ben riuscite.

 

Track List

  • Artist
  • Eggs
  • Bright And Best
  • Cascata
  • Salamander
  • Illusions
  • Socrates Eats Hemlocks
  • Greetings From Nowhere
  • She
  • Saturday
  • Virus Hate
  • Molokko