Mighty high<small></small>
− Reggae, Blues

Gov´t Mule

Mighty high

2007 - ATO Records
05/02/2008 - di
Non fatevi ingannare dalla copertina: per noi “Mighty high” è stato solo il pretesto per parlare di una grande band. A parte questo, non è disco da avere, a meno che siate dei fans sfegatati dei Gov’t Mule. Anzi, con tutta probabilità è l’album più trascurabile fin qua pubblicato da Warren Haynes e compagni.
Già dal gioco di parole del titolo si capisce quanto questo cd sia una propaggine del precedente “High & mighty”, un lavoro nato da una frangia di quelle sessions. Pare infatti che i Mule, lavorando su quel disco con Gordie Johnson, abbiano cominciato a coltivare l’idea di un Ep reggae.
In realtà negli ultimi anni i Gov’t si sono saltuariamente concessi più di un’esplorazione in campo reggae: oltre alla presenza di “Unring the bell”, che aveva il suo bel peso nell’ultimo lavoro, si era già sentito qualcosa dal vivo e in “The deep end vol. 2”.
La scelta non è stata dunque casuale: i Mule sono stati in tour parecchio con Gordie Johnson prima di tornare in studio con lui per una versione di “I’m a ram”. La registrazione però fu interrotta da un fulmine che si abbattè sullo studio e forse quel segno avrebbe dovuto essere interpretato meglio.
“Mighty high” avrebbe dovuto rimanere un Ep: poche canzoni e tanti remix, spesso degli stessi brani in versione dub. Sono solo tre i veri pezzi, al massimo quattro se ci mettiamo la cover di “Hard to handle”: il resto sono strumentali che non vanno oltre l’esperimento sonoro.
È innegabile che il disco abbia un grande suono, ma è composto di take che non valgono più di una b-side, come nella tradizione reggae (il dub è nato come retro dei 45 giri reggae).
Tracce di cosa la band cosa avrebbe potuto fare ci sono solo nell’iniziale “I’m a ram”, cover di Al Green, nella successiva “Rebel with a cause” che sfocia in “Unring the bell” e nella versione acid-funk di “The shape I’m in”.
Danny Louis si cala nella “parte giamaicana” impegnandosi anche alla tromba; si fanno sentire le voci di Michael Franti, Will Williams e Toots Hibbert, ma stranamente i Gov’t, più che suonare, si danno da fare a manipolare: alcune tracce sono estratti live, a cui sono stati aggiunti suoni dub dopo aver tolto l’audio del pubblico.
La maggioranza del materiale ruota attorno a “I’m a ram” e “Unring the bell”, continuamente riprese. Di questi remix ne sarebbero bastati un paio e avremmo tra le mani un Ep di tutt’altro effetto.
“Mighty high” non toglie nulla ai Gov’t Mule, ma resta il rammarico per quello che avrebbe potuto aggiungere. Come confermano le ultime esibizioni dal vivo della band.

Track List

  • I’m a ram|
  • Rebel with a cause|
  • Horseflies|
  • The shape I’m in|
  • Play with fire|
  • Hard to handle|
  • Hard to dubya|
  • Unblow your horn|
  • Unthrow that spear|
  • So ram, so rong|
  • Outta shape|
  • Reblow your wind|
  • Plasticine era

Gov´t Mule Altri articoli