Venti<small></small>
Italiana • Alternative • rock

Giorgio Canali & Rossofuoco Venti

2020 - La Tempesta Dischi

08/01/2021 di Arianna Marsico

#Giorgio Canali & Rossofuoco#Italiana#Alternative

 Alla faccia di ogni forma di scaramanzia Venti, ultimo doppio album di Giorgio Canali con i Rossofuoco, esce con una bellissima copertina viola e all’interno delle illustrazioni con dei gatti neri (l’artwork è di Martina Moretti). D’altro canto tutti i dischi del nostro sono uno schiaffo in faccia di sincerità, un calcio a creduloneria e superstizione.

Il disco, uscito il 4 dicembre 2020, è stato registrato durante il confinamento di primavera con ogni membro della band in pezzo di mondo diverso (Stewie a Miami, Luca in Sardegna, Marco nel bolognese e Giorgio a Bassano del Grappa), con il contributo da Roma del violino di Andrea Ruggiero. Qualche brano è stato anticipato al pubblico durante delle date da solista di Canali, prima che la scure pandemica si riabbattesse sugli spettacoli dal vivo e sulle vite di tutti. Giorgio ha scelto di non aderire a iniziative in streaming, e forse è anche giusto così, perché Venti con la sua irruenza prende a spallate lo schermo che giocoforza in questo periodo filtra ogni esperienza.

Preme per uscire dalle casse e buttare giù le porte della nostra emotività per entrarci dentro e riscuoterci dall’abbrutimento in cui bene o male la situazione ci tiene. Circondati in tal senso è una fucilata: “Ma non lo vedi che siamo noi, siamo noi, i nostri peggiori nemici”.

Canali si esprime senza filtri, come in Nell’aria e in Dodici. Nell’affresco dipinto su epidemia e informazione, una Guernica del 2020, forse può risultare estremamente spiazzante. Tuttavia il suo scopo non è mai stato quello di averci ubbidienti e in adorazione, quanto quello di spingerci a pensare con la nostra (e non la sua) testa, sempre e comunque. In fondo in Canzone sdrucciola descrive perfettamente il groviglio vitale che c’è dietro i brani: “cara chissà perché non riesco mai a scrivere canzoni semplici, chissà perché riesco a prenderle solo negli angoli”.

Se Inutile e irrilevante fotografa lo spaesamento in cui tra distanziamento fisico - sociale e categorie essenziali ci si ritrova, sempre incerti se qualcosa per cui stiamo uscendo sia essenziale o meno, lacerati dal dubbio e dalla comprensibile paura, un brano come Eravamo noi ci porta indietro “alla fine dell’83”. Dai suoni distorti emerge un passato distopico, un ritratto per niente mitizzato “di vent’anni nelle piazze in rivolta”.

Venti ha almeno altrettanti livelli di lettura, uno per brano. Ma più lo si ascolta più si trovano nuove suggestioni, nuovi spunti di riflessioni, nuovi spigoli su cui sbattere e farsi male, come le testate sul microfono che Giorgio dà ai concerti. E che speriamo di rivedere presto.

Track List

  • Eravamo noi
  • Morire perche`
  • Nell`aria
  • Inutile e irrilevante
  • Wounded Knee
  • Tre grammi e qualcosa per litro
  • Acomepidi`
  • Raptus
  • Circondati
  • Meteo in cinque quarti
  • Vodka per lo spirito santo
  • Dodici
  • Canzone sdrucciola
  • Viene avanti fischiando
  • Come quando fuori non piove piu`
  • Requiem per i gatti neri
  • CDM (te la devo)
  • Cartoline nere
  • Proiettili d` argento
  • Rotolacampo

Articoli Collegati

Giorgio Canali & Rossofuoco

Live Report del 17/05/2019

Recensione di Arianna Marsico

Giorgio Canali & Rossofuoco

Undici canzoni di merda con la pioggia dentro

Recensione di Arianna Marsico

Giorgio Canali & Rossofuoco

Live Report del 07/10/2016

Recensione di Arianna Marsico

Giorgio Canali & Rossofuoco

Perle per Porci

Recensione di Arianna Marsico

Giorgio Canali & Rossofuoco

Live Report del 06/06/2014

Recensione di Arianna Marsico

Recensione di Arianna Marsico

Giorgio Canali & Rossofuoco

Live Report del 16/01/2010

Recensione di Arianna Marsico

Giorgio Canali & Rossofuoco

Nostra Signora Della Dinamite

Recensione di Massimo Sannella

Giorgio Canali & Rossofuoco

Live Report del 17/12/2004

Recensione di Vito Sartor