DanzaFerma<small></small>
Italiana • Alternative

Gianluca Secco DanzaFerma

2021 - Marte Label

28/10/2021 di Laura Bianchi

#Gianluca Secco#Italiana#Alternative

Basterebbe ascoltare anche solo Sangue, la prima traccia di DanzaFerma, il nuovo lavoro di Gianluca Secco, per lasciarsi trascinare totalmente dal suono, dalla voce e dal messaggio del cantautore friulano. Invece, questo brano non è l'unico a possedere una forza convincente, in un album coerente, solido, compatto, quasi materico, nel suo modo di proporsi interamente nudo, proprio come Secco appare nel video di Senza Velo, confessione disturbante e stimolante di un kamikaze, che smuove coscienze e certezze. 

Appare evidente che le sonorità ricercate da Secco e da Antonio Arcieri, pianista e compositore, da quattro anni sodale di Secco anche live, vadano nella direzione di una riflessione sui testi composti per comunicare un discorso importante, profondo e intimo, coinvolgente, e vengano costruite attorno ad essi, scompaginando le impalcature, spesso troppo rigide, in cui sembrano soffocare molte ispirazioni poetiche. Invece, i due operano una scelta divergente, che risulta vincente, poiché l'ascoltatore si sente al centro di un messaggio complesso e articolato, e viene condotto nelle anse del fiume comunicativo con polso fermo e visione netta.

Si ascolti, ad esempio, Danza Ferma, oscillante fra atmosfere jazz e psichedeliche alla Doors, al servizio di un racconto indefinito, eppure nitido; oppure la suggestiva, quasi brechtiana Ottobre, in cui Secco ha modo di dare un'ulteriore prova della propria bravura interpretativa e della potenza vocale, educata da anni di studio lirico, sostenuto da un piano anarchico e teatrale.

Il disco è una prova importante, anche perché i testi potrebbero essere letti autonomamente, e costituiscono un insieme poetico e lucido di riflessioni su temi sociali contemporanei, come la violenza, l'esclusione (l'impressionante Aria), la dipendenza (come nella rockeggiante Pasto nudo, dalle percussioni efficacissime); ma il fascino di questo lavoro sta proprio nella fusione di parole e musica, che coinvolgono l'ascoltatore in un viaggio visionario e fisico insieme. 

Da ascoltare e riascoltare, in attesa della resa live, che, siamo sicuri, amplificherà le emozioni.

 

Track List

  • Sangue
  • Danza Ferma
  • Schianto
  • Muta
  • Senza Velo
  • La Revolution
  • Ottobre
  • Pasto Nudo
  • Aria
  • DiSchianto
  • Maestro

Articoli Collegati

Gianluca Secco

Special 13/04/2015

Recensione di Ambrosia J. S. Imbornone