Magip<small></small>
Jazz Blues Black − Jazz − Melodico

Gb Project

Magip

2018 - Alfa Projects
22/07/2018 - di
Gb Project é una formazione composta da Alessandro Scala (sax soprano), Gilberto Mazzotti (piano), Piero Simoncini (contrabbasso),  Michele Iaia (batteria) con ospite speciale Simone Zanchini (accordion). Realtà di origine romagnola che già ebbe un benvenuto in testata con il loro In the Bloom  (2016) di cui questo lavoro costituisce una logica e apprezzabile evoluzione utile a consolidare un sound molto personale, un traguardo importante per un combo jazzistico.

Magip infatti espone in modo più compiuto gli ingredienti di una scrittura accessibile ma al tempo stesso elaborata, evidente risultato di studi ed esercizi: strutture leggibili, ritmica fluida, senso melodico ed organizzazione del combo il tutto funzionale ad un`estrema fruibilità della proposta. Qui il plauso va in particolar modo a Mazzotti, autore di tutti i pezzi.

Andiamo con ordine. Le strutture dei brani risultano chiare senza arrivare allo scontato. Esemplificativo in questo senso é il pezzo iniziale Bells in dancing. Intro con accordi solari, avvio del tema A con un ritmo dispari difficile da cogliere e la staffetta sul tema tra piano e sax soprano. Melodia semplice con intervalli facili da seguire a favore di un lirismo delicato. Avvio chiaro A - A dove la modernità sta nell`assenza di predominanze soliste e in passaggi equilibrati tra le voci. Ritmica potente ma delicata, concentra molto nel tempo ma non esagera nella dinamica. Parte poi la sezione B con una trama improvvisata al piano. Il lavoro del basso é notevole e risulta la vera spina dorsale arricchita da un drumming fluido. La parte  pare più modale e più libera. Si riprende poi il tema A che verso il finale viene rivalutato con un graduale crescendo che lascia un buon retrogusto. Inizia una sezione B` con impro del sax soprano invitato e poi sostenuto dal basso che lavora in ostinato e il piano in contrattempo. Un bell`intreccio in cui tutti ascoltano tutti che termina con un richiamo al tema A sfumato.

La fluidità della ritmica, già sottolineata sopra, ricorre sempre anche se con modalità diverse. Pure i momenti potenzialmente più "spigolosi", come il funky in Magip, sono scaldati dalla timbrica del Rhodes  e da un gioco di variazioni, fughe e rientri, allontanamenti e ricongiunzioni con un risultato affascinante per la varietà di tensione proposta. Stesso effetto ad "elastico" lo si riscontra in In Up dove le modulazioni tra 3/4, 4/4 e swing vengono "sparse" dagli accordi del succitato Rhodes e da un approccio a tratti modale.

Il senso melodico é una costante; mettiamo in evidenza Pendular per la sua verve folk favorita dall`intervento di Zanchini alla fisa e dal timbro pastorale del sax soprano di Scala.  Il primo sostiene la trama melodica, ripresa peraltro in canone dall`ancia che poi introduce aperture jazzistiche che rendono il brano piacevolissimo e tutt`altro che scontato. Il lirismo raggiunge la sua vetta in Aria Mediterranea, un brano in cui la tradizione di Egea (distributrice del lavoro) é riconfermata nella sua migliore tradizione che prevede l`efficace coltivazione di una idea semplice, sfruttata a fondo sui crescendi e diminuendi e da un basso che non disdegna il rubato offrendo un effetto stimolante.

Sapiente é l`organizzazione del combo che, apprezzabilmente, evita la scontata alternanza di solisti col rischio di allungare il brodo. Qui in generale le trame sono abbastanza concentrate per arrivare in Quintino a riporre nell`unisono la cifra principale mettendo in rilievo la sinergia del gruppo piuttosto che la somma dei singoli.

I ruoli sono sempre giocati con chiarezza; spina dorsale ritmica (spesso ostinata) affidata al basso, in bella presenza anche se mai invadente e integrata da una batteria tra il circolare e le variazioni. Le tastiere offrono sostegno e legame mentre il sax soprano risalta con la sua voce sanamente imperfetta e favorevole a un`impressione melodica sobria e gradevole perché inattesa.

Un plauso va quindi a come il gruppo sa proporre tutte le sue carte con eleganza, senza esagerare nelle dinamiche e offrendo un lavoro di raffinata gradevolezza; un bel passo avanti che consigliamo a tutti di seguire nel miglior solco del jazz nazionale.

 

Track List

  • Bells in dancing
  • In up
  • Pendular
  • Magip
  • Quintino
  • Aria mediterranea
  • Union
  • Volo

Gb Project Altri articoli