Fleetwood Mac (Expanded Edition)<small> [<strong>Ristampe</strong>]</small>
Rock Internazionale − Rock

Fleetwood Mac

Fleetwood Mac (Expanded Edition) [Ristampe]

2018 - Reprise Records
10/02/2018 - di
Dopo un` album decisamente poco significatvo, Heroes Are Hard To Find, uscito nel 1974, i Fleetwood Mac si apprestano a registrare l`ennesimo addio. Bob Welch, chitarrista e cantante si appresta a lasciare la band, che, a dire il vero, sembra essere diventata qualcosa di simile ad una stazione ferroviaria, con continue entrate ed uscite. Dagli inizi, dopo che Peter Green, Mick Fleetwood e John McVie sono andati via dai Bluesbreakers di John Mayall, un vero e proprio laboratorio dal quale sono usciti alcuni dei più grandi musicisti di sempre come Eric Clapton, Aynsley Dumbar, Mick Taylor, Keef Hartley, Dick Heckstall-Smith, Andy Fraser e decine di altri, sono molti i miscisti che dai Fleetwood Mac sono transitati. L`ennesimo, imminente, abbandono avrebbe potuto mettere a rischio l`esistenza della band, che a quel punto si sarebbe ridotta alle pesenze Di Mick Fleetwood, John McVie e di quelle che, nel frattempo era divenuta sua moglie, ovvero Christine Perfect, divenuta McVie per l`appunto. Mick è a Los Angeles nel 1975 e sta cercando uno studio di registrazione dove poter lavorare per il nuovo disco, il decimo della storia della band. Incontra Keith Olsen, musicista a sua volta, ma anche produttore, formatosi alla scuola di Curt Boettcher, produttore di una grande band come gli Association, e, soprattutto con  Brian Wilson dei Beach Boys che insegnò ad Olsen di "immaginare tutto ciò che riguarda una produzione come se stesse ascoltando la canzone per la prima volta." 

Olsen porta Fleetwood ai Sound City Studios a Van Nuys non lontano da LA, per far loro vedere questo luogo divenuto nel tempo una vera e propria leggenda (celebrata da David Grohl in un celebre documentario). Per fargli capire le potenzialità dello studio, Olsen fa ascoltare alcuni pezzi del primo (ed unico) album realizzato lì dalla coppia Lindsey Buckingham / Stevie Nicks. Mick rimane impressionato dallo stile di Lindsey e lo cerca per ingaggiarlo. Ma la risposta che riceve è chiara. Senza Stevie io non vado da nessuna parte. E così, per capire se la convivenza di due donne sia possible all`interno della band, spauracchio agitato da John McVie, viene organizzato una cena al ristorante El Carmen sulla 3^ Strada a LA. (Il posto esiste ancora adesso, sempre allo stesso indirizzo), dalla quale i partecipanti escono con ogni tipo di timore completamente dissolto. 

Quando la band entra in studio per registrare quello che viene definito da loro stessi, il personale White Album della band, l`apporto di Lindsey e Stevie è di altissimo livello. Bckingham si presenta con l’opening track, Monday Morning, un perfetto pezzo pop-rock tipico diventerà uno dei pezzi più popolari della band. E che dire della spettacolare e conclusiva I’m So Afraid, grande pezzo rock potente, che dal vivo diventerà uno degli high point degli show. Christine arriva con una canzone straordinaria come Landslide una ballad entrata nella storia della musica per la sua straordinaria bellezza. E come non parlare di Rhiannon altro pezzo che definire basilare nel macro cosmo dei Fleetwood Mac è perfino banale. Dalla collaborazione tra Buckingham e la Nicks arriva anche Crystal che proprio sul disco dei due appariva. Fleetwood Mac viene riproposto sul primo CD rimasterizzato, con l`aggiunta dei pezzi che uscirono su singolo che furono Over My Head, Rhiannon, Say You Love Me e Blue Letter. Il resto non sfigura certo, con pezzi come Say You Love Me, gran bel rock`n`roll e, per chi scrive in particolare, la deliziosa Sugar Daddy a confermare la caratura di un disco entrato nella storia (periodo pop rock della band) insieme allo straordinario Rumours ed al doppio Tusk.

Il secondo CD è decisamente interessante perchè contiene le versioni originarie dei pezzi, sostanzialmente simili a quelle definitive, più quattro brani live, tre da questo disco ed uno, Why  che appariva su Mystery To Me. A chiusura una rilassata jam collettiva, non inedita però, e una strepitosa versione strumentale di I’m So Afraid, che è una vera chicca imperdibile. La versione in formato Box, decisamente più costosa contiene anche un live molto interessante, ed il solito DVD 5.1 oltre al disco originale in vinile. L`album all`inizio viene quasi snobbato dal pubblico, che lo porta in trionfo l`anno dopo la sua pubblicazione, facendolo diventare il secondo disco più venduto del 1976, dietro solo al fenomenale successo di Frampton Comes Alive di Peter Frampton che spopolerà ovunque. Acquisto consigliatissimo.

Track List

  • Fleetwood Mac - CD 1 The Original Album and Singles
  • Monday Morning, Warm Ways, Blue Letter, Rhiannon, Over My Head, Crystal, Say You Love Me, Landslide, World Turning, Sugar Daddy, I`m So Afraid, Over My Head (Single Version), Rhiannon ((Will You Ever Win) (Single Version), Say You Love Me (Single Version), Blue Letter (Single Version)
  • Fleetwood Mac - CD 2 Early versions and Live From The Warner Bros. Sound Stage
  • Monday Morning (Early Take), Warm Ways (Early Take), Blue Letter (Early Take), Rhiannon (Early Take), Over My Hard (Early Take), Crystal (Early Version), Say You Love Me (Early version), Landslide (Early Version), World Turning (Early Version), Sugar Daddy (Early Take), I`m So Afraid (Early Version), Over My Head (Live), Rhiannon (Live), Why (Live), World Turning (Live), Jam #2, I`m So Afraid (Early Take Instrumental)