Senza mai parlare<small></small>
Italiana • Canzone d`autore • blues

Flavio Pirini Senza mai parlare

2020 -

13/10/2020 di Arianna Marsico

#Flavio Pirini#Italiana#Canzone d`autore

Senza mai parlare, di Flavio Pirini, è un disco interamente registrato in casa (tranne La ragione del tempo, registrata al Teatro della Contraddizione a Milano), in cui l’ispirazione blues si miscela con la matrice cantautorale. E della dimensione domestica ha quella quiete, quel non andare di fretta che si riscontra in un brano come Blues, ha quello sguardo placido e acuto del graffito di Belin presente in copertina.

Piccole cose mostra infatti un’atmosfera quasi crepuscolare, un narrare dettagli di vita che altrimenti rischiano di andare persi e con la crepuscolare Bar di notte sembra confermare l’uso di oggetti che non siano strumenti proprio per rendere ogni nota più autentica. L’autore infatti afferma: “Sono canzoni di impronta diversa dalle cose che chi mi segue è abituato ad ascoltare. Ho registrato tutto io, in casa, mescolando cose suonate, qualche campione e in qualche caso oggetti da cucina".

E la chiamano estate, cover del capolavoro di Bruno Martino, si presenta intrisa di una malinconia autunnale, con la voce che sembra arrivare la lontano, eco di momenti felici che sembrano irrimediabilmente perduti.

La ragione del tempo sembra un tango lento, ballato in solitaria da un Philip Marlowe di ritorno da una sua indagine nei meandri dello squallore umano.

Senza Mai parlare ha un tono confidenziale nel suo parlare di quotidianità, di esaltazioni e sconfitte, di caducità. Sembra parlare, con in mano un bicchiere di vino, proprio a quelle gocce di memoria che a volte consapevolmente si mettono da parte.

Track List

  • Re minore
  • Ma dov`eri
  • Blues
  • Car
  • Piccole cose
  • Bar di notte
  • E la chiamano estate
  • Vecchie glorie
  • La ragione del tempo
  • Come va
  • A farmi ombra
  • Per un attimo

Articoli Collegati

Flavio Pirini

Canzoni di spessore

Recensione di Laura Bianchi