Cartoline<small></small>
Emergenti − Alternative − indie-pop, indie-rock

Fiori Di Cadillac

Cartoline

2013 - Forears/Audioglobe/The Orchard
14/04/2014 - di
Una formazione ancora sconosciuta, un progetto che prende forma in due anni, un esordio più che considerevole ed ecco riassunta in pochissime parole la storia dei Fiori di Cadillac.
Cartoline  è il primo lavoro ufficiale della band, sudato, portato alla luce dopo anni di lavorazione, partorito nel miglior modo possibile.
Un disco molto intimo, appassionante, narrativo, dall`apparenza e sostanza prettamente pop, lascia spazio agli esperimenti, anzi si lascia arricchire da accenni elettronici che tentano di farsi spazio tra accordi semplicistici e caratterizzanti del pop.

Undici canzoni, ognuna delle quali racconta una storia, porta con sè un significato ben preciso, quasi a voler lasciare alla fine una morale a chi ascolta.
Nessuna prevarica particolamente sulle altre e questo potrebbe anche non essere un bene, ma il disco tutto non è particolarmente monotono, semmai intrappolato in uno stile ben preciso, in un tipo di composizione e di struttura statica, sempre la stessa. Ad un certo punto smette di sorprendere, ma piuttosto inizia a cullare l`ascoltatore.

E` un disco fatto apposta per essere colonna sonora, poco protagonista, si deve ascoltare almeno una seconda volta per entrare nell`universo di ogni traccia, ma è dolcemente rilassante lasciarsi trasportare dai suoni educati: inizia con un`impronta più o meno decisa, mescolando ritmi e sonorità pop bluesy, ma poi si adagia su un tappeto diverso, calmo.

Un tramonto sonoro che riporta alla mente delle immagini sfocate, caotiche, a tratti inquietanti, decine di cartoline sparse su un pavimento di una stanza vuota, illuminata solo dalla luce rossastra del sole che sta sparendo, così suona tutto, bellissimo ma struggente, l`oblio che sprofonda.

Cartoline è un debutto eccellente, che svela un`identità ben precisa, ma che non si lascia andare in particolari esternazioni, quasi a voler preservarsi per qualcosa che deve ancora arrivare. Interessante e fascinoso, è un disco dalla bellezza timida, che si scopre piano piano, non eccede ma non per questo scade nella banalità.

Il silenzio è rotto da Il ministero dell`amore, il pezzo più easy e movimentato del disco, una ballata arricchita da un tappeto variegato, note di piano e trombe disordinate chiedono attenzione dettando il tempo. Poi man mano il ritmo si spezza, si entra nel sogno e ci si lascia cullare; Io resto qui, Finchè dormi , Fuori nevica in assoluto le tracce più belle, quelle su cui vale la pena di soffermarsi qualche minuto in più.



Track List

  • IL MINISTERO DELL`AMORE
  • IO RESTO QUI
  • OGGI NON E` SETTEMBRE
  • FINCHE` DORMI
  • PRIMA
  • DISSOLVENZA/STACCO
  • LA LANCETTA DEI SECONDI
  • CANZONE IN SCATOLA
  • FUORI NEVICA
  • JONNY
  • LE TUE CARTOLINE