Madame Ugo<small></small>
Italiana − Alternative − synth-pop, songwriting

Fabio Cinti

Madame Ugo

2013 - Mescal
20/11/2013 - di
Due anni fa usciva L`esempio delle mele, l`album che sanciva l`esordio di Fabio Cinti; a distanza di un anno, il cantautore laziale, tornava a calcare le scene con Il minuto secondo. Il 15 ottobre è tornato con un disco che non rinnega affatto ciò che è stato: malgrado non ci siano collegamenti diretti col passato, Madame Ugo è il perfetto sequel, è la storia che si ripete, una storia ancora migliore di quella che il passato ci ha presentato.

É un album importante questo per Cinti, è la terza fatica che vede importanti collaborazioni, da Lele Battista (produzione artistica) a Paolo Benvegnù (voce e chitarra in E lei sparò), ed anche una piccola sorpresa internazionale.

Madame Ugo
riassume in sé due anime contrastanti, una virile e l`altra femminea e sensuale. L`album si apre con Che ci posso fare: è un brano visionario, desta scene e scenari inaspettati, come se i modi di dire divenissero realtà, la melodia è semplice ed immediatamente orecchiabile, ricorda il migliore Bersani (il poeta e non il politico). Sweet sorrow è più rumoroso, irresistibilmente new wave e strizza l`occhio al maestoso Battiato; sarà a causa del bilinguismo del testo e dell`inglese quasi maccheronico che non dispiace affatto.

Sempre elegante Fabio Cinti, anche quando con un filo di misantropia racconta l`uomo e le sue sfumature, ne canta i pregi e i difetti in Dicono di noi; il suono di un piano ci porta nell`intima atmosfera de L`amore qualunque, un lungo piano sequenza all`interno di una stanza vuota, nella solitudine di due personaggi anonimi, con il sapore di quelle vecchie chanson d`amour d`oltre secolo.

Nove degli undici pezzi sono stati scritti da Fabio, tranne due. Devo, il brano scritto e composto direttamente dal poeta siciliano Franco Battiato, è un brano fresco e pop; vede la collaborazione di Davide Ferrario. Immagino i suoni come un`insieme di note atletiche che scappano qua e là e magari i due interpreti impegnati ad inseguirle.

Alex Turner, il giovane talento statunitense - scoperto casualmente da Fabio in rete - è l`autore di Days like this, una delicata ballad che si scosta assai da quello che è l`album, dai toni e dai temi.

Freud sarebbe orgoglioso di Fabio: le sue teorie tornano sotto altre vesti per ben due volte, in Tensione onirica e in Flussi di pensiero nel sonno.
Qualche synth riscalda Finisce l`estate, un cielo terso, un tramonto color pesca spazzato via da un piacevole grigio, quindi munitevi di ombrello e cuffie per godere under the rainbow Madame Ugo.

 

Track List

  • CHE CI POSSO FARE
  • SWEET SORROW
  • DICONO DI NOI
  • DEVO
  • L`AMORE QUALUNQUE
  • FINISCE L`ESTATE
  • GENET
  • DAYS LIKE THIS
  • TENSIONE ONIRICA
  • FLUSSI DI PENSIERO NEL SONNO
  • E LEI SPARò