Non è morto nessuno<small></small>
Emergenti − Songwriting − Pop

Elio P(e)tri

Non è morto nessuno

2010 - Matteite/Venus
23/03/2011 - di
Dietro lo pseudonimo di cinematografica memoria si nasconde Emiliano Angelelli, giornalista di origini umbre alla sua opera prima in ambitomusicale (con lo zampino di Matteo Dainese, già negli Ulan Baror). Non è morto nessuno è un nastro di Moebius di pop sbilenco in cui suoni morbidi e testi alieni si inseguono senza soluzione di continuità. Si comincia con Bradipo con un attacco orchestrale alla Non è per sempre degli Afterhours (con la quale condivide anche il retrogusto esistenzialista) e la voce di Angelelli che si dispiega dolce amara ed implorante mentre canta “Abbracciami, albero, prima che lo faccia io”.

Altro episodio notevole è Rachmaninov, che riecheggia il celebre pianista russo e David Helfgott (il pianista australiano la cui storia è stata raccontata nel film “Shine”) già nell’incipit “Sono diventato matto seguendo Rachmaninov che aveva già parlato con Tolstoj”. Questa riflessione sul ruolo della musica e della letteratura nella società odierna si articola tra arpeggi di chitarra e soffusi backing vocals che nulla lasciano presagire dell’esplosione sonora nel finale.

In Denti sono invece le tastiere ad avere un ruolo primo piano, sottolineando con la loro ossessività la ripetitività checaratterizza certe solitudini. Non bisogna pensare però che “Non è morto nessuno” non abbia spazio per un sorriso. Già il titolo, tipica frase usata per sdrammatizzare, suggerisce di non dimenticarsi della leggerezza. La traccia finale La ricetta dell´uomo perfetto, dal suono intimo che ricorda certi falò con la chitarra e gli amici, demolisce con garbo l’ossessione di perfezione che caratterizza il mondo d’oggi e una certa manualistica del genere “how to” (come se per ogni caso della vita ci fosse una soluzione univoca).

Il tutto condito da simpatici commenti “fuori onda”. Non è morto nessuno è decisamente un esordio di qualità, che fonde amore per la musica, per la cultura e per la vita.

Track List

  • Bradipo
  • L´uomo che imparò a volare
  • Rachmaninov
  • Canzone del dormire
  • Rape rosse
  • Sentiero rosso
  • Requiem dell´amore
  • Macelleria
  • Denti
  • La ricetta dell´uomo perfetto