Sulla Terra<small></small>
Italiana • Canzone d`autore

Davide Tosches Sulla Terra

2020 - Private Stanze

19/12/2020 di Giada Lottini

#Davide Tosches#Italiana#Canzone d`autore

Uscito il 9 ottobre per Private Stanze e registrato interamente nello studio Cavagnolo, dove vive, "Sulla Terra" è il quarto album di Davide Tosches, che rispetto ai precedenti si distingue per un processo di composizione insolito per il cantautore: Davide si siede ad un vecchio pianoforte con un quaderno e una penna, preso dall'urgenza di comunicare qualcosa, butta giù quello che ha nell'anima e solo dopo si confronta con le partiture per gli altri strumenti che entreranno in gioco nel disco, salvo per quel che riguarda gli archi, dove collabora con Andrea Ruggiero. Non solo: Tosches si confronta anche con artisti e modi di scrittura differenti dal suo, prima di affinare la sua tecnica, e questo gli permette di arricchire il suo linguaggio e il suo intento comunicativo in maniera molto più libera. Ancora: il processo di cambiamento si nota anche dalla copertina, dove per la prima volta abbiamo un'immagine di Tosches a sottolineare la sua voglia di mettersi a nudo.
Il risultato è un disco coeso, basato sempre sull'osservazione della natura e dei suoi fenomeni, dove l'uomo è il mondo ed il mondo insegna all'uomo tramite la bellezza, che si trasforma poi in amore. Del resto Tosches è un artista che osserva il respiro del mondo e segue quello, in una sua cosmologia personale che si percepisce autentica e semplice nella sua varietà: la terra è elemento di forza, il cielo è bussola amorevole, la pioggia è purificatrice. In tutto questo, i cori dell'ottima Laura Caré aggiunti alle canzoni sottolineano l'armonia del creato e la sua complessità, e così ogni emozione è filtrata attraverso metafore di fenomeni naturali noti e osservabili a tutti.
Sulla Terra è in larga parte autobiografico, a volte basato su episodi reali, come ad esempio nel pezzo La Ragazza Che Piange, che parte da un incontro casuale e da due parole scambiate con una ragazza che piangeva, ma non per dolore, per felicità, sul ciglio di una strada, o nel pezzo Vent'Anni, dove si avvertono nostalgia, tenerezza e consapevolezza nei confronti della gioventù del cantante e dei suoi compagni di viaggio. Ascoltando ogni pezzo, si sente che il cuore di quest'uomo e la sua visione del mondo sono profonde: ne è un esempio il brano Terra Emersa, dove Davide racconta un suo periodo cupo e depresso, usando il mare per definire un senso di angoscia e di deriva, fino a che non si fortifica di nuovo per tornare terra salvifica e terminare così il suo naufragio toccando ancora una volta il suolo, radicandosi di nuovo.

Ma veniamo ai due pezzi più importanti di questo lavoro: Diana, dedicato a sua figlia, è un pezzo così pieno di amore da commuovere. Qui Tosches prova a mettere in musica un amore talmente vasto da non lasciare indifferenti: è uno di quei pezzi che ogni figlio o figlia vorrebbe sentirsi dedicare da un padre che ha compreso l'unicità del legame genitoriale e prova e proverà a preservarlo e difenderlo nonostante il ciclo naturale delle cose non si arresti mai e quindi andando avanti nel tempo la crescità potrà mutare non il sentimento, ma la sua espressione. Abbiamo poi Pioggia (Abbazia), il singolo con cui questo lavoro è stato presentato, che amplifica attraverso l'attenzione al suono delle parole il senso di bellezza che, nonostante un anno terribile, abbiamo comunque attorno, e al quale possiamo ricorrere per sentirci un po' meglio, assieme alla forza dell'amore, che è il protagonista assoluto di questo disco così sincero ed immediato da non aver bisogno di ulteriori parole per essere descritto.

 

Track List

  • Nel Nero Di Notte
  • Sulla Terra
  • La Luna Tra I Rami
  • Diana
  • Pioggia
  • Stelle Nascoste
  • Le Notti Scure
  • La Ragazza Che Piange
  • Vent`Anni
  • La Terra Emersa
  • Pioggia (Abbazia)

Articoli Collegati

Davide Tosches

LUCI DELLA CITTA’ DISTANTE

Recensione di Arianna Marsico

Davide Tosches

Il lento disgelo

Recensione di Jori Cherubini

Davide Tosches

Intervista 20/09/2010

Recensione di Andrea Rossi