Live at radio city<small></small>
− Cantautore, Rock

Dave Matthews

Live at radio city

2007 - ATO Records
15/11/2007 - di
Si fa ormai fatica a tenere il conto dei live pubblicati da Dave Matthews tra uscite ufficiali e release per i fans reperibili sul sito della band. Nella lunga lista, a cui si sta per aggiungere un cd + dvd “Live at Piedmont Park”, ci sembra giusto segnalare questo doppio in compagnia del chitarrista Tim Reynolds.
La differenza la fanno l’impostazione acustica e l’alta qualità della performance, che permettono a parecchi brani di brillare di luce nuova, come si è potuto vedere anche nella data italiana al Teatro Dal Verme di Milano.
Il concerto in questione testimonia appunto il recente tour tenuto in piccole location privilegiando l’acustica (più che altro in teatri) e il rapporto intimo col pubblico.
Ambiente ed atmosfera sono stati dunque ingredienti fondamentali della performance del duo e lo si percepisce chiaramente in questi doppio registrato alla Radio City Music Hall di New York.
Voce e chitarre suonano vicine ai presenti proiettando anche l’ascoltatore tra i primi posti di una serata riservata a pochi. Merito soprattutto di Dave Matthews, che si dimostra ispirato e disponibile, sempre pronto al dialogo coi presenti: emblematici sono i suoi siparietti scherzosi e persino alcuni momenti di raccoglimento come quello prima di “Gravedigger” dedicato al soldato Jon Town, reduce della guerra in Iraq.
La presenza di Tim Reynolds poi non è quella di un semplice comprimario e offre molto più di un accompagnamento: i suoi ricami e i suoi assoli creano un suono acustico che risplende di grande professionalità. Non a caso Dave Matthews gli lascia la scena per un paio di strumentali e gli co-accredita giustamente il disco.
Viene in mente quell’altro live acustico di cui i due erano stati protagonisti nel 1999, “Live at Luther College”, ma qui ci sono momenti sublimi per intensità e soprattutto un Dave Matthews più maturo, capace di calamitare costantemente l’attenzione con gran personalità.
La scaletta è ben costruita e alterna pezzi delicati a tracce colme di tensione in cui i due fanno risuonare le loro chitarre acustiche lanciandosi l’un l’altro in perfetta simbiosi.
Da segnalare le cover di “The maker” e “Still water” di Daniel Lanois, quella di “Down by the river” di Neil Young e le citazioni dei Little Feat (“Dixie chicken”) e Woody Guthrie (“This land is your land”), ma ogni traccia è in sé una perla acustica che riflette una luce rara.
Si rimane poi abbagliati dalla forza con cui nel finale risplendono i “soliti” cavalli di battaglia. E, quando le luci si accendono in sala, ci si trova ad applaudire anche da casa un’esibizione di alto livello.

Track List

  • Cd doppio

Dave Matthews Altri articoli