Al cuore (EP)<small></small>
Italiana − Canzone d`autore − elettro-acustico, folk

C.f.f.

Al cuore (EP)

2014 - Maxsound Records / Festival Music Week
10/04/2015 - di
Nuovo corso per lo storico gruppo underground pugliese dei C.F.F. (già C.F.F. e il Nomade Venerabile), che si presenta ora come duo composto da Anna Maria Stasi (voce, Korg Microstation, percussioni) e Anna Surico (chitarre, pedali, sequenze), con l’aggiunta di Vanni La Guardia (che si occupa di “cose varie fuori dal palco”, si legge nel comunicato, come booking, management, comunicazione, ma anche e soprattutto è autore di tre testi su quattro dell’EP), rivisitando tre brani dell’album Attraverso (2012) e proponendo un nuovo pezzo.

Nuova per la band anche la formula musicale, che ha asciugato i suoni, ridotti a un’essenzialità struggente, eppure grandiosa e regale, dal prezioso valore poetico, che mostra ormai una voluta e più netta impronta cantautorale. Quest’ultima, che ha consentito ai C.F.F. anche di risultare vincitori al Premio Pierangelo Bertoli 2014 e finalisti nazionali al Premio De André, appare talora segnata da un più chiaro impegno sociale, come emerge nei temi affrontati nella title-track inedita, con l’elenco di ciò che resta come “roccia dopo la frana” o un “greto di sogni passata la piena”, ciò che resiste, anche se minacciato dall’oblio, da Berlinguer all’esempio di Peppino Impastato; resta nei brani già incisi e   qui reinterpretati anche la consueta vocazione immaginifica che veste di simboli suggestivi o metafore affascinanti le idee.

Nell’EP, prodotto dalla band con Max Carola a seguito della vittoria del Festival Music Week, gli arrangiamenti sono imperniati su raffinati arpeggi di chitarra, arricchiti da sfondi solenni di archi sintetici o da basi elettroniche minimali, talora anche oscure e pulsanti come un magma sotterraneo e/o contraltare di percussioni etniche (v. la conclusiva Ritorno al me stesso di adesso con squarci di chitarre quasi orientaleggianti e ritornello dalla metrica che rammenta gli amati CCCP); i quattro brani si fanno così cassa risonanza per le emozioni a fiori di pelle diffuse dalla voce della Stasi, dotata di un’eleganza fuori dal comune, precisa, potente e sicura nel mirare con sobrietà ossimoricamente maestosa e appassionata al cuore di ogni messaggio veicolato dai versi. Brividi affilati.

Track List

  • Al cuore
  • Il mio inverno
  • La frana
  • Ritorno al me stesso di adesso

C.f.f. Altri articoli