La frontiera<small></small>
− Italiana, Soul

Carolina Brandes - Omp

La frontiera

CNI - 2004
19/07/2004 - di
Una Torre di Babele musicale, Carolina è figlia di una globalizzazione culturale che avrebbe dovuto svilupparsi solo in tal senso: certo che essere nativi di una metropoli multietnica americana come Boston (un incontro tra vecchia Europa e africa nera) aiuta non poco, se poi si decide d’intraprendere la carriera musicale il cerchio si chiude. Carolina Brandes si laurea in canto e composizione nel 1992 al Berklee College of Music di Boston e da subito intraprende le strade di una musica sperimentale e raffinata diventando front-women del progetto "Original Musical of Paint": un collage di suoni, colori, anime musicali davvero stimolanti quanto comunicative.
Un grande lavoro di tipo accademico dove risalta il bagaglio canoro della vocalist sia esso inteso come cantato diretto, che nel lavoro corale e di background. Tutto questo viene sorretto da una squadra di musicisti d´eccezione, primi fra tutti la sezione fiati, composta da Aldo Bassi alla tromba, Gianni Savelli al sax, Mario Corvini al trombone, sempre presenti a sorreggere le strutture orchestrali dei brani e qualche volta anche protagonisti come in "The Hit" o "Haze".
E´ comunque l´anima jazz a risaltare in tutto il lavoro, a cominciare dal cantato dove la Brandes pesca un po’ dappertutto dal funky-style, alla raffinata influenza vocal-jazz di Cassadra Wilson: molto importanti i riferimenti comunicativi come nell´etno-funky-jazz di " Awakeining" dove il testo è cantato in inglese, spagnolo, tedesco, italiano o gli intermezzi francesi di "Un mythe Par Minute". I samples, come lo scorrere dell´acqua, il vento e il latrare di un cane costituiscono le giuste ambientazioni per immergersi nei fantastici mondi rumorosi di Carolina, una sorta di scenografia sonora che esploderà nella "fusion" dell´universo musicale contenuto in tutto il disco.
Il funky, l´r&b, i canoni ritmici del rock sembrano andar d´accordo sulle metriche del jazz più raffinato: basso e batteria (Marco Siniscalco , Davide Pettirossi) fanno un´eccellente lavoro di versatilità spaziando tra andamenti sincopati (“As It”, “Haze”) e ritmiche funkettone (“L´Urlo Romano”, “La-la-la)”, con grande delicatezza senza affaticare minimamente l´ascoltatore. Tutto il lavoro di background vocale (Fabiola Torresi, Desireè Petrochi, C.Brandes) e di arrangiamenti (C. Brandes e Aleesandro Gwis) trova la sua massima espressione con “Dr Solitude” in un Soul davvero da pelle d´oca. Sul finire il disco pecca un tantino di monotonia sfiorando la ripetitività armonica, ma è del tutto un dettaglio trascurabilissimo circa l´immensità espressa nel suo insieme.
Siamo davvero contenti dell´esistenza di musicisti eclettiche e dinamiche e della possibilità di riscoprire talenti nazionali come ci hanno dimostrato in questo periodo Carolina Brandes e Katia Sanna.

Track List

  • AWAKENING|
  • THE HIT|
  • LA-LA-LA|
  • AS IF|
  • HAZE|
  • DR. SOLITUDE|
  • L´URLO ROMANO|
  • ICE IN CREMATION|
  • HIDDEN|
  • SKIPPER|
  • UN MYTHE PAR MINUTE|
  • WOMEN|
  • FORKING PATHS