La scomparsa dell`uomo invisibile<small></small>
Italiana − Canzone d`autore − pop

Carlo Skizzo Biglioli

La scomparsa dell`uomo invisibile

2018 - BigBag
11/06/2019 - di
Un recital immaginario si forma nella mente ascoltando La scomparsa dell`uomo invisibile di Carlo Skizzo Biglioli, lo si vede muoversi su di un palco, assumendo diverse forme e cantando brani trascinanti che fanno nascere un`incredibile voglia di muoversi, coinvolgendo anche persone meno ritmiche, creando un clima di buonumore ed espressioni compiaciute per l`ironia delle parole. Se si potesse raccontare l`album di Biglioli con un libro, sicuramente il primo titolo che verrebbe in mente sarebbe Alice, nel paese delle meraviglie, col cantautore che come un Lewis Carroll della canzone gioca coi significati, assembla parole e suoni, li deforma come se fosse dinnanzi a uno specchio che distorce tutto ciò che è udibile, creando illusioni sonore che fanno sorridere, compiaciuti dall`abilità semantica ricostruita in queste tracce, che creano questo mondo dell’assurdo con un nuovo senso. Il madrigale dell’iniziale Sciamare (mistici enigmi) apre le porte per l’ingresso in questo mondo nel quale si alternano Ragazze immaginarie (con i nomi da invertire: Enza Fantascì, Lina Adrena e Dania Dasvi), Superpoliziotto, personaggi della Marvel, imprenditori “vivi coi dividendi dei dvd dei divi” e uomini che cercano di fare pipì con mosche noiose, ma raccontarlo risulta impossibile perché nessuno di questi personaggi sembra avere qualcosa in comune con gli altri, invece riescono a condividere un palco senza alcuna difficoltà.

   Musicalmente stratificato e variegato, Carlo Skizzo Biglioli si trova a proprio agio sia col folk che con un maccheronico gregoriano, valzer e country, sonorità anni 70 e ricordando Gaber , Jannacci e Buscaglione nell’interpretazione, rendendo questo lavoro delizioso e non relegabile in una sola situazione di ascolto. Già il titolo crea il presupposto per vivere queste tredici tracce fatte di contraddizioni perché La scomparsa dell’uomo invisibile è la metafora di ciò che segue le regole e che non viene considerato, come la title track che è la rievocazione funebre di questo anonimo soggetto che, tra chitarre e valzer, dovrebbe avere un’anima da trovare e, che come ambientazione immaginaria potrebbe essere collegata all’esilarante Luminose meraviglie che tra ecologia e tecnologia mischia sacro e profano, in una fragorosa risata interiore. La scomparsa dell’uomo invisibile è talmente vario da risultare geniale per gli enigmi lessicali, la grande intelligenza e abilità da paroliere di Carlo Skizzo Biglioli e l’interpretazione seriamente giocosa, musicalmente ineccepibile, con la partecipazione di Valerio Baggio, Robi Zonca alla chitarra, Paolo P-Lyon Pelandi, Matteo Milesi alle percussioni. Questo album non può annoiare perché ad ogni ascolto si scopre un nuovo gioco di parole che diverte e lo rende fruibile da ogni tipologia di pubblico.

Track List

  • Sciamare (mistici enigmi)
  • Ometto
  • Le ragazze immaginarie
  • La scomparsa dell`uomo invisibile
  • Ciumbia !
  • Discuter
  • Luminose meraviglie
  • Marvel Rush
  • Tubando
  • Costituzione (sano e robusto)
  • Il superpoliziotto
  • Billy Sieve
  • Vivi di DVD