Portraits<small></small>
Americana • Songwriting

Ben Bedford Portraits

2020 - Appaloosa (Distr.IRD)

06/01/2021 di Marcello Matranga

#Ben Bedford#Americana#Songwriting

Concentrare una discografia composta da cinque album in una tracklist di sole dodici canzoni può apparire scelta complicata. Ma la nostrana Appaloosa Records ha fatto una scelta sensata, volendo far conoscere questo Songwriter proveniente da Springfield, Illinois, anche al nostro pubblico, che è sempre piuttosto attento a certi tipi di proposte, pur essendo chiaramente di nicchia.

In realtà Portraits offre uno spaccato di Ben Bedford, pescando dai suoi primi tre dischi, Lincoln’s Man (2007), Land Of The Shadows (2009) e What We Lost (2012), a suo tempo editi solo negli States per piccole label. I due dischi successivi, The Pilot and the Flying Machine (2016) e The Hermit’s Spyglass (2018), molto bello, sono arrivati sulle nostre sponde, pur privi di un adeguato riscontro di stampa e pubblico.

Come dice in maniera esplicita il titolo di questa raccolta, i ritratti che Bedford traccia fanno riferimento non solo a persone, ma anche a eventi, luoghi, ricordi, in una sorta di fermo immagine quasi cinematografico, dove il racconto tende a rendere emotivamente partecipe l’ascoltatore. Notevole l’iniziale Lincoln’s Man, che nei suoi oltre otto minuti, rende esplicito il concetto espresso poco sopra. Bedford ha una voce gradevole, ma è la scrittura delle canzoni ad essere il vero punto forte. Indicative, a mio avviso, le affascinanti The Sangamon, e, soprattutto, Migrant Mother due pezzi che spiccano in maniera decisa all’interno della raccolta, anche se il resto dei brani dimostra che Bedford ha una capacità di composizione non trascurabile, capace di estrarre dalla personale cornucopia canzoni di deciso spessore degne del miglior cantautorato americano.

Ottimo il lavoro della Appaloosa che, come da pratica consolidata, offre la traduzione nella nostra lingua dei pezzi scritti dall’autore, rendendo ancor più prezioso e meritevole questa bella antologia. Tenete a mente il nome di Ben Bedford, in attesa che tornino tempi migliori e si possa sperare di rivedere personaggi simili on stage.

Track List

  • Lincoln’s Man
  • The Sangamon
  • The Only Story
  • What We Lost
  • John The Baptist
  • Guinevere is Sleeping
  • Twenty One
  • Amelia
  • Land of the Shadows (For Emmett Till)
  • Migrant Mother
  • One Night at a Time
  • Goodbye Jack

Articoli Collegati

Ben Bedford

The Hermit`s Spyglass

Recensione di Tiberio Snaidero