Canzoni nel cassetto<small></small>
Emergenti − Songwriting − italiana

Antonio Clemente

Canzoni nel cassetto

2016 - Controrecords
23/05/2016 - di
Una stanza chiusa da tempo coi mobili ricoperti da lenzuola e una finestra dalla quale filtra la luce, con quel pulviscolo che si forma in quel cono semiluminoso e che permette di vedere solo i contorni di ciò che c`è e il resto è immaginazione, questo sembra essere Canzoni nel cassetto. Clemente ritorna in questa stanza chiusa da tempo per unire tra loro i pezzi di sè stesso, tra passato e presente, tra i luoghi natali ed i posti conosciuti nella vita, mescolando tutto per presentarsi per quello che è.

   Quattordici tracce che seguono un fil rouge evidente che si percepisce nell`essere minimale il più delle volte, rifacendosi alla scuola cantautorale più classica con tanto di "la solita strada" che subito fa sobbalzare credendo ci proponga una cover, invece sembra perdersi in questa immagine che fa parte della melodia italiana. Se da una parte Clemente sceglie questa essenzialità dall`altra l`intro de L`essenziale destabilizza nella sua ricercatezza ipnotica, ma poi sembra realmente riesumare brani scritti nei tempi passati senza ripensarli in chiave più lineare per un album da "età matura".

   I momenti di interesse sono rappresentanti dalle musiche che contrastano coi testi, dando un po` di vigore alla voce che su un ascolto di tredici tracce (più la bonus) risulta talvolta difficile da ascoltare con attenzione, tendendo a ricercare i pezzi strumentali, e si rischia di non riuscire a cogliere l`intenzione finale di Clemente che sembra volersi prendere troppo sul serio, isolandosi dalla parte emotiva, rendendosi spesso troppo concentrato su ciò che vuole dire  tralasciando la tensione vocale, soprattutto nella ghost track dove ripete più volte la parola "fottiti" che da così carica di rabbia si trasforma in sette lettere statiche. In Tango delle circostanze avverse riesce, invece, a mescolare testo, voce e musica giungendo alla completezza del brano, e  nell`unico pezzo in siciliano Veni l`estate supera il limite del dialetto con la sensazione musicale.

   La buona base musicale è la chiave per l`ascolto che diventa l`accompagnamento ideale per esplorare quella stanza chiusa da dove Clemente è partito e tornato per ritrovare i suoi scritti e decidere di condividerli, puntando su una semplicità spesso spiazzante, che si ritrova anche nel video de L`essenziale, alla quale non siamo più abituati.

Track List

  • L`essenziale
  • Piccole emozioni
  • Canzone del poeta bambino
  • Veni l`estati
  • Alla difesa dei sogni
  • Canzone di Natale
  • Non è un gioco
  • La libertà
  • Cuori al vento
  • Tango delle circostanze avverse
  • E non ne parliamo più
  • Vivere
  • Stupida canzone ( + ghost track: Fottiti)