Change of Pace<small></small>
Rock Internazionale − Rock − Blues

Andy Frasco & The U.n.

Change of Pace

2019 - Fun Machine Records
28/02/2019 - di
Non molto tempo fa qualcuno ha deciso di riproporre l`eterna domanda: Il rock ‘n’ roll è morto? Rispondere a questa domande non è facile, probabilmente è impossibile. Rispondere a questa domanda significa anche chiedersi: Il soul è morto?”, "E il folk, il jazz e il funk?
Il vero interrogativo, oggi, dovrebbe essere: Esistono ancora i `generi musicali`?
Credo che si possa affermare, senza troppa paura di essere smentiti, che oggi la musica non possa essere "definita". I migliori brani sono quelli che non si possono "incasellare" in un genere. I migliori brani sono quelli che si ascoltano e nei quali si ritrovano praticamente tutti i generi musicali del mondo. La cosa più sorprendente, però,  è che questi generi si fondono e si completano a vicenda. Di conseguenza, i migliori artisti sono quelli che riescono in questa impresa: prendere generi apparentemente in antitesi (gospel e funk, soul e rock, folk e punk o tutti questi generi insieme) e creare suoni nuovi e contemporanei.

Alcuni giovani, in questo campo, hanno molto da insegnare. Ci sono numerosi artisti di nuova generazione, giovani e giovanissimi, che si sono messi al lavoro e hanno formato delle band con un sound incredibile.
Turkuaz, Aqueos, Pigeons Playing Ping Pong, Dumpstaphunk, Galactic e, last but not least, Andy Frasco & the U.N., sono tutti nomi che a molti non dicono nulla ma che rappresentano una grande novità nel panorama musicale americano già da diversi anni.

Andy Frasco & the U.N è una band che nasce a Los Angeles nel 2013 ed è costituita dal frontman Andy Frasco, voce e piano, dal batterista Andee Avila, dal chitarrista Shawn Eckels, dal sassofonista Ernie Chang, dal bassista Jelmer Olsman, dal trombettista Niels Kant e dal trombonista Arno Bakker.
Già nel 2011 fu definito “New Artist to Watch” all’Hatch Festival, allo European Independent Film Festival, all’Orion Music Festival e al Sundance Film Festival.
Andy Frasco ha una sola missione: modificare il business della musica così come lo conosciamo, attraverso un nuovo genere musicale definito Feel Good Music.
Andy ha iniziato come manager e promoter all’età di sedici anni, ha  lavorato per diverse etichette discografiche (Atlantic Records, tanto per citarne una) ed è stato in tour con VH1`s Save the Music Foundation per raccogliere fondi per l’educazione musicale nelle scuole pubbliche.
Ad oggi Andy Frasco può vantare collaborazioni eccellenti: Leon Russell, Jackie Greene, Gary Clark Jr. Jakob Dylan, John Mayer e molti, molti altri.

Dopo aver girato in lungo e in largo gli Stati Uniti, aver pubblicato tre album indipendenti, essersi esibito in Germania di fronte a 15.000 fans, nonché al Rock am Ring, Rock im Park e Electric Forest, essersi lanciato dal palco sulla folla un numero infinito di volte, il 2017 ha rappresentato per Andy Frasco un vero e proprio "turning point".

Nella sua più recente biografia si legge: “La mia relazione sentimentale non stava funzionando. Avevo comprato una casa nel Midwest per stare vicino alla ragazza che amavo, ma lei non si fidava di me. Anch’io non mi sarei fidato di me stesso.” La storia, insomma, la conosciamo: tradimenti continui, abusi di droga, insonnia e tutte le conseguenze del caso.

A quel punto Andy capisce che è giunto il momento di dare una svolta a quella vita: “Non potevo essere solo il ragazzo ‘festaiolo’. Volevo raccontare la mia vita. Volevo catturare le mie emozioni. Volevo sostanza nella mia vita e nella mia musica.”

L’aspirazione di Andy era ciò che è diventato il titolo del suo nuovo album: Change of Pace, un cambio di velocità, di ritmo.

L’album è diventato così un racconto di vita e il racconto di un viaggio, perché per terminare sei canzoni dell’album, Andy e il suo produttore Dave Schools (bassista dei Widespread Panic) si sono lanciati in un vero e proprio “studio tour” che li ha portati alla collaborazione con Ben Ellman (Galactic) a New Orleans, con Charles Goodan a Los Angeles e con Caleb Hawley a New York per registrare agli Atomic Studios di Lady Gaga.

L’album si apre proprio con la title track, Change of Pace e con una domanda fondamentale che definisce il senso dell’album e del percorso di Andy: Will I always be a runner from town to town? La risposta la si ritrova poco dopo: I’m looking for a change of pace/that I’ll be on my way/let’s start a movement/without a purpose/for a change of pace.

Consigliatissimo anche il video di questo brano che ripercorre la vita e le amicizie di Andy.

Passando da un brano all’altro (Don’t let it Fool Ya, Love Come Down, Up/Down) sarà come compiere un viaggio in America: New Orleans, San Francisco, New York, Los Angeles, Seattle, Nashville e i generi musicali che hanno definito e caratterizzato queste città.

Sarà impossibile restare immobili ascoltano i brani contenuti in questo disco.

Al centro, però, troviamo un brano di forte impatto. Let Your Mind Be Free è una canzone che parla di drammi interiori (I’m lost inside my head/Took the wrong turn/Now I’m working on it. E ancora: Keep your eyes on the prize/Let Your Mind Be Free).

Un altro brano da ricordare è Can’t Force Love, bellissima ballata in perfetto stile “Andy Frasco”: un uomo innamorato che esprime i propri sentimenti ma, soprattutto, le proprie paure (I don’t know/Am I moving too fast?), riconoscendo che l’amore non si può forzare. L’amore arriva in modo inaspettato e inatteso. (You can’t force love/It’s gonna come to you).

Il brano a chiusura dell’album Don’t let the haters get down on you è una sorpresa che non voglio rovinare.

Artisti come Andy Frasco and the U.N. e album come Change of Pace dimostrano che la musica non è finita, il rock non è morto, così come non sono morti gli altri generi musicali. Non pensiamo a Andy Frasco come a un pazzo, non pensiamo che solo per il fatto di essere giovane non abbia nulla da dire.

Pensiamo, invece, che le rivoluzioni sono sempre state fatte dai giovani e, anche in questo caso, l’animo rivoluzionario porterà la musica a incontrare nuove forme e dimensioni.

“In fin dei conti sono un filosofo e un musicista. Voglio che il mio lavoro rifletta entrambi questi aspetti. In aggiunta, sono solo un ragazzo che tenta di trovare un po’ di felicità, esattamente come tutti gli altri. Si tratta di sentirsi bene con i “bassi” della vita, non essere troppo su di giri di fronte agli “alti” e sentirsi a proprio agio nella propria pelle” (Andy Frasco)

Track List

  • Change Of Pace
  • Don`t Let It Fool Ya
  • Love, Come Down
  • Up/Down
  • Let Your Mind Be Free
  • Waiting Game
  • Somedays
  • Find A Way
  • Can`t Force Love
  • The Walk
  • Don`t Let The Haters Get Down You