Accordi Disaccordi<small></small>
Jazz Blues Black − Jazz − Gypsy Swing

Accordi Disaccordi

Accordi Disaccordi

2017 - Accordi Disaccordi
26/01/2018 - di
Trio torinese di conio relativamente recente (2012) Accordi Disaccordi é composto interamente da artisti di strumenti a corda: Alessandro Di Virgilio e Dario Berlucchi alle chitarre (solista il primo e ritmica il secondo) con Elia Lasorsa danno vita a una formazione fortemente orientata allo swing di radice manouche ma proiettata verso interpretazioni con forme, umori e ingredienti differenziati.

Questo disco autoprodotto é il loro quarto lavoro a chiaro indice di un`attività piuttosto intensa sviluppata anche con molte presenze dal vivo e nei festival di maggior risonanza come per esempio Umbria Jazz. Inoltre, grazie alle quattordici tracce tutte originali, risulta essere un documento significativo per accostarsi all`arte di questi giovani ma estremamente interessanti musicisti.

Da un punto di vista generale il lavoro presenta tutti gli elementi tipici del "gypsy jazz" ed esemplificativo in questo senso é Lazy Wave:  la ritmica "pompata" della chitarra fatta di pennate e break sulle corde, la fusion con la tradizione americana sottolineata dal bellissimo clarinetto dell`ospite Giacomo Smith, l`intro della chitarra che preferisce melodia alle scale, il basso cadenzato in sincrono con il battere della chitarra (tecnica questa che compensa l`assenza della batteria).
Analoghe caratteristiche sono rilevabili in Mafia Car in cui interviene anche una venatura blues che aggiunge densità al pezzo.

Il tutto però non appare retrò per via di un gusto "legato" che conferisce comunque scioltezza e una gradevolezza tipicamente nostrana in evidenza in altri passaggi come Pietrasanta, brano lento con un pizzicato cadenzato e felicemente integrato da un basso questa volta suonato con l`arco.
Qui ci si allontana un po` dallo standard base a favore di un lirismo esaltato dall`integrazione dei tre strumenti.

Quest`ultimo elemento é uno degli aspetti più interessanti del lavoro; i tre musicisti lavorano con buona intesa, l`impressione non é che si dividano i ruoli ma piuttosto che ciascuno di essi si occupi di una parte del mosaico per dar vita a un compiuto collettivo.

In questa logica l`indiscutibile abilità esecutiva appare, giustamente, solo mezzo e non fine; Blast e Spaghetti Killer sono passaggi veloci, spumeggianti, sostenuti da un impeccabile walking bass e da una ritmica vigorosa su cui si sviluppa una linea melodica molto pulita; qui freschezza e gradevolezza sono legate a filo doppio alla perizia strumentale e, ancora una volta, gli aspetti base dello stile sono arricchiti da divertenti tornate su scale (cosa non sempre così tipica del manouche).

La storia del Gypsy é legata strettamente ad altri stili folk come il flamenco o altri latini;  I caffé di Oliva, di spiccato sapore tangato virato poi all`iberico, riprende questa attitudine aggiungendo però (splendida idea) il cello di Oscar Doglio Sánchez che conferisce spiritualità e mantiene quel legato di cui si é già parlato e che tanto aggiunge per evitare lo scadere nello standard o nel semplice folk.

Un lavoro estremamente interessante perché in grado di confermare vita a un genere di nicchia che spesso rischia di scadere in semplici riesecuzioni di repertorio; sarebbe interessante vedere il trio alle prese con un`idea più ardita.... Hot Jazz + Punk.... perché no?  Data la loro apertura potrebbe anche funzionare.

Nel frattempo comunque ascoltare Accordi Disaccordi non é tempo perso, non solo per i fans di Django.

 

Track List

  • Firefly
  • Beauty
  • Lazy Wave
  • Whisky Valley
  • Pietrasanta
  • Mafia Car
  • Blast
  • I caffè di Oliva
  • Spaghetti Killer
  • 10
  • Stay
  • Break-Fast
  • El Duende
  • Signor Noce