Our new orleans<small></small>
− Soul, Blues

A.a.v.v.

Our new orleans

2005 - NONESUCH
29/06/2006 - di
Uscito nel dicembre del 2005, questo disco è un sentito omaggio alla città di New Orleans pubblicato dalla Nonesuch in seguito al disastro provocato dall’uragano Katrina.
Al di là dell’intento benefico l’operazione ha il merito di richiamare l’attenzione su una tragedia passata troppo in fretta in secondo piano: ancora una volta la musica funge da richiamo umano e sociale raccogliendo attorno a sé diversi musicisti. A questo proposito bisogna poi constatare come parecchi musicisti di New Orleans e dintorni siano usciti recentemente con dischi di livello di cui ci occuperemo presto (Dr. John, Allen Toussaint, Irma Thomas).
Questa raccolta passa in rassegna quelli che sono gli stili tipici delle Crescent City, dal soul al funky, dal r&b al jazz, dal cajun allo zydeco: il risultato è toccante, ma soprattutto qualitativamente alto e pezzi di grande musica vengono anche dagli artisti meno noti.
Se Dr. John e Allen Toussaint sono due garanzie di classe e spirito, più torbido il primo e più signorile il secondo, le sorprese vengono dalle formazioni allargate in cui si respira la vivacità dello spirito di New Orleans: i Buckwheat Zydeco, prodotti da Ry Cooder, offrono una marcia vibrante impastata di tradizione, i Wild Magnolias fanno salire direttamente dalla strada un call & response che prende forza da un ritmo second-line gioioso e i BeauSoleil partecipano con uno strumentale che piacerà molto allo Springsteen delle “Seeger Sessions”.
Con lo stesso approccio corale si sviluppano le tracce più swing-jazz, mentre la Dirty Dozen Brass Band, prodotta da Joe Henry, passa di quartiere in quartiere per raccogliere le diverse voci di speranza.
Confermando il suo amore per la black music, Joe Henry è presente come produttore in altre tre tracce, due di Allen Toussaint e una di Irma Thomas (“Back water blues” di Bessie Smith), immaginiamo estratte dalle sessions di “I believe to my soul”. Sempre piano e voce sono il gospel di Davell Crawford, la versione di “When the Saints go marching in” di Eddie Bo e “Tou´ les jours ç´est pas la même” di Carol Fran, queste ultime due orientate sul versante creolo-francofono della Louisiana.
La parte finale del cd è più elegiaca, con un Charlie Miller da brividi, solo tromba e voce, e un Randy Newman orchestrale accompagnato da ben due Filarmoniche per una chiusura fatalista che diventa anche un inchino carico di speranza.
Questa raccolta è una fotografia perfetta di quello che la musica di New Orleans è stata e di quello che speriamo continuerà ad essere.
Già si parla di un secondo cd in uscita prossimamente, che raccomandiamo come un acquisto doveroso.

Track List

  • Yes We Can Can - Allen Toussaint|
  • World I Never Made - Dr. John|
  • Back Water Blues - Irma Thomas|
  • Gather by the River - Davell Crawford|
  • Cryin´ in the Streets - Buckwheat Zydeco|
  • Canal Street Blues - Dr. Michael White|
  • Brother John Is Gone/Herc-Jolly-John - Wild Magnolias|
  • When the Saints Go Marching In - Eddie Bo|
  • My Feet Can´t Fail Me Now - Dirty Dozen Brass Band|
  • Tou´ les jours ç´est pas la même - Carol Fran|
  • L´Ouragon - BeauSoleil|
  • Do You Know What It Means to Miss New Orleans - Preservation Hall Jazz Band|
  • Prayer for New Orleans - Charlie Miller|
  • What a Wonderful World - The Wardell Quezergue Orchestra|
  • Tipitina and Me - Allen Toussaint|
  • Louisiana 1927 - Randy Newman and the Louisiana Philharmonic Orchestra w. members of the New York Philharmonic

A.a.v.v. Altri articoli