Vorrei rinascere in un lama<small></small>
Emergenti − Rock − new wave

7 Marzo

Vorrei rinascere in un lama

2017 - Mononoke records
02/02/2018 - di
Quando ci si imbatte in un album come Vorrei rinascere in un lama l`errore più semplice è lasciarsi fuorviare, cercando un genere per catalogarlo per poi considerarlo molto “leggero”, in realtà i 7 marzo esordiscono con due anime, una giocosa e una attenta, a tratti cupa, quasi meditativa, riuscendo a fondere queste due visioni in un sound tra il punk, new wave e rock, oscillando tra cambi di stile, sempre ben arrangiati.

   Il mondo dei 7 marzo è variegato, un po` enigmatico come dal nome che non sembra avere una motivazione dichiarata, il mondo di un gruppo di amici, di professionisti che riescono a trasmettere la loro capacità musicale, guidati dal frontman Franz diplomato al Conservatorio in composizione sperimentale e in batteria all`Accademia. Vorrei rinascere in un lama è ironico, di quell`ironia che nasce dall`intelligenza capace di sfondare qualsiasi muro perchè forte della competenza, che si snoda tra i due estremi costituiti dalla tracce Dai passa questo pezzo, una critica efficace al mondo discografico, ma estendibile a ogni panorama lavorativo nel seguire le regole per “passare” e Eva correva, indubbiamente il brano più interessante, tra riff e chitarre efficaci, che come in un noir racconta la vicenda di un omicidio con Eva testimone, ma che potrebbe avere una duplice lettura, sia come fatto di cronaca sia a livello di crescita e cambiamento, di rottura delle catene. L`ecclettismo del gruppo avrebbe potuto portare i 7 marzo a spingersi addirittura più in là, anche se si deve tenere in considerazione che si tratta di un album di esordio, quindi utile e per raggiungere il maggior numero di pubblico, anche perchè il singolo Dai passa questo pezzo ha ottenuto in poco tempo più di 100000 visualizzazioni, quindi obiettivo raggiunto. L`unico pezzo chiaramente autobiografico è Ciao che inizia, appunto, con “ ciao mi chiamo Franz avrò 32 anni a settembre” è uno di quei brani in cui il gruppo avrebbe potuto rischiare maggiormente, parlando in prima persona, ma dopotutto sembra servisse il brano un po` introspettivo, anche se Ti darò ha una vena maggiormente intima.

   I 7 marzo ricorrono spesso al sax e basi di archi, che con la capacità interpretativa di Franz riescono a rendere queste tracce, tra amore e quotidianità, tra ironia e totale mancanza di volgarità, ascoltabili sia come distrazione che come momento di riflessione, sia cantautorale che musicale.

Track List

  • Vorrei rinacsere in un lama
  • Michele (epilogo)
  • Dai passa questo pezzo
  • Ridi quanto vuoi
  • Grandissimi film americani
  • Eva correva
  • Samantha tornerĂ 
  • L`immagine del cambiamento
  • La chance
  • Ti darĂ²
  • Ciao