Artepassante

Artepassante

Torna Artepassante


02/10/2019 - di mescalina.it
L’Associazione Le Belle Arti di Milano anni fa decise di riprendere “Progettopassante”, con l’intento di portare l’arte fuori dai suoi normali spazi di fruizione. Un intento ambizioso e avvincente, che ha incontrato nel 2012 l’attenzione e il sostegno di RFI - Rete Ferroviaria Italiana,con cui l’Associazione ha stretto un accordo stabile per riqualificare e ridare vita a ben 17 spazi in disuso nelle stazioni del Passante Ferroviario di Repubblica, Porta Vittoria, Dateo, Porta Venezia, Garibaldi, Lancetti, Villapizzone. Il Progetto Artepassante sta trasformando questi non-luoghi in luoghi di accoglienza, punti di riferimento e prossimità, facilitatori ideali di connessioni tra professionisti diversi, in grado di fornire servizi innovativi in ambito artistico, culturale e socio-assistenziale. Oggi, in questi luoghi, più di 30 realtà, artistiche, culturali, artigianali e sociali, realizzano eventi, esposizioni, corsi e quotidianamente creano le proprie opere, sotto lo sguardo stupito degli utenti del Passante Ferroviario, di abitanti della città e turisti. L`arte pubblica nei luoghi di transito ha lo scopo di attirare l`attenzione dei passanti e dell’utenza di questi spazi, che sono generalmente distratti. Esiste un modo più efficiente, rispetto alla tradizionale arte pubblica, di coinvolgere i passanti. Mostre, concerti, spettacoli dal vivo, programmi educativi, possono essere svolti in aeroporti, metropolitana e stazioni ferroviarie, coinvolgendo il pubblico.L’Associazione ha anche creato una serie di collaborazioni e convenzioni con teatri, spazi espositivi e culturali milanesi, come il Teatro Elfo Puccini, la Fondazione Arnaldo Pomodoro e il Teatro Franco Parenti. Grazie a queste convenzioni, ai soci dell’Associazione sono concessi sconti e benefit presso le diverse strutture. Importante è diventato anche il rapporto con il territorio circostante e la creazione di preziose sinergie con altre realtà culturali, artistiche e con comitati di cittadini. Questa interazione si è concretizzata e si sta affermando anche attraverso importanti interventi artistici di riqualificazione di spazi e strutture in diverse zone della città di Milano, in particolare con la realizzazione di opere di Street Art di dimensioni significative e partnership con i Comuni della Città Metropolitana.
Ormai da anni i cori Cantosospeso e Corale Lirica Ambrosiana si esercitano all’interno della fermata del Passante di P.ta Vittoria. Lì organizzano corsi di canto e lezioni aperte al pubblico, per poi esibirsi in prestigiose location, come la Palazzina Liberty di Milano. Per fare in modo che il Progetto continui a svilupparsi col tempo e venga sempre di più conosciuto da tutta la popolazione che gravita sui territori e che la rete aumenti la propria capacità di attirare nuovo pubblico, nuova utenza creativa, artistica e formativa, per i prossimi due anni l’obiettivo è quello di fare in modo che le attività di tutta la rete siano comunicate e quindi conosciute in modo efficace in un territorio allargato che abbracci quasi tutta la città di Milano. Per questo, il 3 ottobre è stata inaugurata la prima mostra del Progetto Underpass, a cura di Renato Galbusera, Giancarlo Lepore, Francesca Vitali Boldini  e 33 artisti internazionali, diversi per generazioni e modalità espressive, che, nell`insieme, compongono un ideale paesaggio del mondo, spaziando dall`Europa all`Asia, dall`Africa all`America e all’Australia.

Il progetto ha lo scopo di portare alla luce, negli spazi sotterranei della Stazione di Porta Garibaldi del Passante Ferroviario, una viva realtà artistica, ripristinando le diciassette vetrine poste all’interno della stazione e riqualificandole, come piccole gallerie che formano, nell’insieme, un grande spazio espositivo, con l’obiettivo di presentare spunti e idee del contemporaneo. Presso le Vetrine di Artepassante - Stazione P.ta Garibaldi del Passante ferroviario di Milano, dal 4 ottobre al 31 dicembre 2019.