Rodrigo Amarante

news

Rodrigo Amarante Rodrigo Amarante annuncia la pubblicazione di Drama il 16 Luglio

14/05/2021 di mescalina.it

#Rodrigo Amarante#Rock Internazionale#Songwriting

Rodrigo Amarante è lieto di annunciare l’uscita del suo nuovo album, Drama, prevista per il 16 Luglio su etichetta Polyvinyl.
Una lunga attesa, dunque, dopo il suo debutto del 2014 con Cavalo, una meravigliosa e personale raccolta di canzoni in cui “ogni strumento respira, ogni suono si fonde ma allo stesso tempo ogni momento è a sé” (NPR Music).
Amarante ce ne regala anche un assaggio, con Maré, il primo singolo estratto e il relativo video diretto dallo stesso cantautore.
Brano apparentemente allegro e positivo ma in cui si nascondono aspetti meno gioiosi sotto la sua superficie, Maré si basa su un proverbio spagnolo che recita “l’alta marea si va a riprendere quello che la bassa marea porta”: ovvero “le cose che arrivano alle tue mani per caso, spariscono altrettanto facilmente”.
«La canzone - spiega Amarante - parla di come noi diamo forma al nostro destino e a noi stessi in base a ciò che desideriamo, speriamo, sogniamo, a prescindere dal risultato. Il video  invece no. Intenzionalmente. Il video parla della scrittura di questa canzone o di tutte le canzoni, non del senso dell canzone in sé. E’ una rappresentazione della sua scrittura, uno sguardo al lavoro di produzione, la magia della scrittura, tornando indietro così a ciò che plasma il mio destino, i miei desideri, la mia smania, ovvero ciò di cui tratta il brano. Parlo di magia perché c’è un qualcosa di imprevedibile nella scrittura, anzi un’attività mentale: è proprio lì che risiede il dramma
 
Forse avete già sentito Rodrigo Amarante nella sua toccante Tuyo, tema principale della serie Netflix Narcos, oppure nel disco con i Little Joy. O ancora magari vi è capitato di leggere il suo nome trai i credits delle canzoni di Gal CostaNorah Jones e Gilberto Gil; o forse lo avete visto esibirsi con la big band brasiliana Orquesta Imperial o con il gruppo rock di Rio dei Los Hermanos.
Probabilmente credete già di conoscere Rodrigo Amarantema Drama, il suo secondo disco, introdurrà un nuovo livello di confusione a tutto ciò.
 
Nato a Rio de Janeiro nel 1976, Amarante individua due incidenti del suo passato che hanno influenzato direttamente la sua musica: una malattia di infanzia che gli ha permesso di apprezzare la bellezza delle seconde possibilità; e il momento in cui suo padre (con il consenso riluttante dello stesso Rodrigo) gli ha tagliato i suoi lunghi capelli, nel tentativo di liberarlo, con essi, dai drammi e dall’eccessiva sensibilità del ragazzino.
«Vestirsi di tutto punto come modo per mostrarsi, anziché vestirsi in maniera informale per nascondersi, ecco cosa è Drama» spiega Amarante. «Uno strumento. Solleticare la memoria attraverso la confessione, guardare attraverso i buchi di una maschera.
Questo non è qualcosa che ho vissuto, bensì una consapevolezza postuma, qualcosa che viene dopo di me, come spesso accade.
Queste canzoni sono state lo strumento per realizzarlo, non il contrario.»
 
Drama ha visto la luce alla fine del 2018 durante una session di Rodrigo insieme alla sua band abituale che vede "Lucky” Paul Taylor alla batteria, Todd Dahlhoff al basso, Andres Renteria alle congas, e Amarante alla chitarra.
La scrittura e le registrazioni sono proseguite poi per tutto il 2019, alcune canzoni sono state tirate fuori dal fondo di un cassetto, altre invece sono completamente nuove.
Agli inizi del 2020, quando il disco non era ancora per niente terminato, Los Angeles entra in lockdown e Amarante si ritrova da solo, e inizia ad aggiungere sovraincisioni e a mixare le tracce completate insieme a Noah Georgeson, a distanza.
Ovviamente l’isolamento ha dettato il suono del disco. «Il lockdown e le conseguenti limitazioni hanno prodotto alcune ottime idee. Ho iniziato l’album con l’intenzione di concentrarmi sul ritmo e sulla melodia, di abbandonare quelle progressioni di accordi ricche e le modulazioni che ho ereditato dal Brasile ed essere, per una volta, più diretto. Ma non appena ho cominciato, ho realizzato qual era il motivo dietro a questo tentativo: c’era l’ombra di quel ragazzino dalla testa rasata che dovevo essere, ormai rassegnato.
Al contrario quindi ho deciso di abbracciare le complicazioni che ho ereditato