Joachim Cooder

news

Joachim Cooder Over That Road I’m Bound è il titolo del secondo album di Joachim Cooder

05/07/2020 di mescalina.it

#Joachim Cooder#Americana#Roots

Esordisce per la Nonesuch Records, Joachim Cooder, figlio e collaboratoe di Ry Cooder, con il suo secondo album a suo nome, intitolato Over That Road I'm Bound, previsto in uscita per il 2 ottobre 2020.Lo spunto per l'album sono le canzoni di Uncle Dave Macon, poi rimodellate da Cooder per adattarle a un mbira elettrico (una variante di un kalimba, un piccolo piano africano che si suona solo con i pollici) e registrarle con la sua band e alcuni ospiti: Ry Cooder (banjo, chitarra, basso, backing vocals), Rayna Gellert(violino), Juliette Commagere (backing vocals), Sam Gendel (basso), Glenn Patscha (piano e organo a pedali), Amir Yaghmai (tamburo yali), Dan Gellert (banjo e violino) e Vieux Farka Touré (chitarra).Il brano dell'album Come Along Buddy è disponibile in video seguendo questo link:https://youtu.be/baEljguE2hI

 

Uncle Dave Macon è stato probabilmente una figura fondamentale nell'evoluzione della musica americana come Jimmie Rodgers. All'inizio del ventesimo secolo era una grande star, uno dei primi habitué del Grand Ole Opry. Nato nel 1870, Macon costruì un repertorio di musica dell'ultima parte dell'Ottocento e lo fece rivivere per le orecchie dei primi del Novecento: melodie da menestrello e vaudeville, canzoni popolari e spirituals, raccolte da compagni di viaggio.

Cooder spiega la sua introduzione a questa musica: "Mio padre suonava spesso il banjo e cantava un paio di queste melodie. Ho capito da lui che aveva sentito Pete Seeger suonare le canzoni di Zio Dave e che Seeger era un grande sostenitore della sua musica. C'era una canzone in particolare, Morning Blues, che ricordo di essere stato attratto da un bambino".

Anni dopo, da adulto, si riallacciò alla musica di Macon: "Portavo mia figlia a casa dei miei genitori e mio padre suonava il banjo, e fu allora che sentii di nuovo 'Morning Blues'. A questo punto, avevo già suonato la mbira elettrica da molto tempo: Avevo fatto un disco con essa ed è quello che suono in tour. C'era qualcosa di molto modale sia nella musica del banjo in generale, sia nel modo in cui mio padre suonava quell'unica canzone, così ho preso la mbira e ho iniziato a suonare con lui". E continua: "C'era una vaga qualità ultraterrena. Pensai: "Voglio suonare queste canzoni in questo modo". Non sono un suonatore di banjo, quindi non potevo venire in un'ottica purista. Cominciai ad ascoltare ogni mattina; mettevo su un cofanetto con la musica di Zio Dave e mia figlia e la ascoltavo. Lei in un certo senso era la direttrice del progetto, insistendo su certe canzoni che ascoltavamo in continuazione. Poi ho iniziato a cambiare i testi con lei in mente".
"Quando ho iniziato il progetto non conoscevo molto della derivazione delle canzoni di Zio Dave. Ma alla fine ho capito che era un collezionista o addirittura un curatore delle canzoni che ascoltava intorno a lui, come Alan Lomax, rielaborandole e reinterpretandole per un nuovo pubblico. Ed era quello che stavo facendo con le sue canzoni senza rendermene conto, rielaborandole e riscrivendole. Stavamo facendo una cosa simile in un certo senso", conclude.
Joachim Cooder è un ricercato percussionista da vent'anni ormai, su registrazioni ormai leggendarie con suo padre, Ry Cooder, come le storiche sessioni del Buena Vista Social Club e da solo con artisti come Ali Farka Touré, che ha ispirato Cooder a intraprendere la mbira. Ha prodotto album per altri artisti, composti per il cinema, e ha collaborato con il coreografo Daniel Ezralow.

Tracklist:
Over That Road I’m Bound To Go
When Ruben Comes To Town
Come Along Buddy
Oh Lovin’ Babe
Tell Her To Come Back Home
Backwater Blues
Rabbit In The Pea Patch
Morning Blues
All In Down And Out
Heartaching Blues
Molly Married A Traveling Man
When The Train Comes Along