Emma Tricca

news

Emma Tricca Due nuovi brani per la cantautrice italiana, londinese di adozione

08/06/2020 di mescalina.it

#Emma Tricca#Rock Internazionale#Folk

 
Dopo il suo acclamato lavoro St Peter, con il batterista dei Sonic Youth, Steve Shelley, e il chitarrista dei Dream Syndicate, Jason Victor, e dopo aver avuto l'onore di aprire per il lungo ultimo tour di Nick Mason (anche nel concerto italiano), per Robyn Hitchcock e The Dream Syndicate, la cantautrice italiana, di stanza a Londra da più di vent'anni, Emma Tricca, si stava preparando a un altro anno intenso e produttivo. Il Covid 19 ha purtroppo fermato per ora i suoi progetti, costringendola a una lunga pausa di riflessione; ma, se un'artista è così sensibile, è impossibile che una simile situazione non porti a un'ulteriore evoluzione.
 
Così, ecco Tricca di nuovo in studio, con lo stesso staff di St Peter (Pete Galub al basso, Jason Victor alla chitarra elettrica e Steve Shelley alla batteria), a proporre un gustoso antipasto del nuovo, imminente lavoro. Per questo, è stata rivisitata una recente registrazione di It Don't Bother Me di Bert Jansch. Sean Read (Dexys, Edwyn Collins, Rockingbirds), nei Famous Times Studios, ha aggiunto voci, organo e tromba e ha dato il giusto colore al brano, facendolo passare da una linea iniziale, strutturata su chitarra e voce, a una ricchezza di sfumature fra il classico e lo psichedelico.
È stato aggiunto alla cover anche un prezioso outtake da Relic, album di sei anni fa: un brano suggestivo, Good Morning Diner, scritto alcuni anni fa ad Austin, prodotto da Carwyn Ellis (Colorama, Pretenders), presente nei cori insieme a Luca Nieri, aggiungendo ulteriore magia, arricchita dal tocco di violino di Sharon Forbes.
 
 
 
A questo punto, non ci resta altro che attendere, oltre che l'uscita del nuovo album, anche  la ripresa delle attività live, per immergerci di nuovo nell'atmosfera unica che Tricca sa donare con i suoi concerti.