ERIC TAYLOR

ERIC TAYLOR

Addio ad Eric Taylor, un gigante del Songwriting americano


10/03/2020 - di mescalina.it
Eric Taylor, una delle massime figure del Songwriting americano ci ha lasciato a soli 70 anni. Taylor è cresciuto ad Atlanta, in Georgia, e ha iniziato a suonare musica soul nei suoi primi anni di vita, immergendosi nel ricco patrimonio culturale del sud nero. "Ho scritto poesie per tutta la vita", raccontava Taylor. "Quando ho imparato a suonare la chitarra, scrivere canzoni è stata una progressione naturale". Dopo il liceo, un breve periodo alla Georgetown University di Washington, DC, "non ha funzionato", secondo Taylor."La musica mi ha attirato lontano", diceva Taylor. "Pensavo che sarei andato in California come tutti gli altri, ma ho finito i soldi e sono finito a Houston". E` un bene che non sia mai arrivato in California, perché l`ambiente musicale di Houston durante gli anni `70 era proprio quello di cui Taylor aveva bisogno per ispirarsi.Taylor ha imparato gli stili di chitarra blues dalle leggende della musica come Lightnin` Hopkins, Mance Lipscomb e Mississippi Fred McDowell mentre lavorava al Family Hand club. Più tardi, sviluppò il suo stile unico di chitarra, che sarebbe stato imitato da molti dei suoi contemporanei dei primi giorni di Houston, come Guy Clark, Townes Van Zandt, Robert Earl Keen, Lyle Lovett, Steve Earle e Nanci Griffith. "Non c`erano linee tracciate nella sabbia tra i generi musicali di Houston a quei tempi", ricorda Taylor. "Tu eri solo un musicista. Credo che tanti grandi scrittori siano usciti da quella scena perché si poteva imparare dagli altri. Non è questo lo scopo di tutta la faccenda?".Nel 1977 Taylor ha vinto il concorso New Folk al Kerrville Folk Festival. Shameless Love, il suo primo album, uscì nel 1981, e dopo una pausa di quasi 14 anni, tornò con l`omonimo Eric Taylor, uscito nel 1995 e da molit considerato il suo capolavoro. L`album diventa Album dell`anno 1996 del Kerrville Folk Festival. Tre anni dopo arriva Resurrect, che è stato successivamente nominato uno dei "100 dischi essenziali di tutti i tempi" dalla rivista Buddy. Taylor è stato il protagonista del prestigioso Newport Folk Festival, ha suonato alla famosa serie Mountain Stage della National Public Radio ed è apparso sia in Late Night With David Letterman con Nanci Griffith e poi all`Austin City Limits con Lyle Lovett, Guy Clark e Robert Earl Keen.

"Dire che Eric Taylor è uno dei migliori scrittori del nostro tempo sarebbe un eufemismo", disse Nanci Griffith. "Se si perde l`occasione di ascoltare Eric Taylor, si è persa l`occasione di sentire una voce che considero il William Faulkner della canzone d`autore del nostro tempo". La Griffith ha registrato diverse canzoni di Taylor, tra cui Deadwood, Storms, Dollar Matinee e Ghost in the Music, che hanno scritto insieme. Lyle Lovett, che ha registrato Memphis Midnight/Memphis Morning, Whooping Crane, Understand You, e con cui Taylor ha scritto la popolarissima Fat Babies. Iain Matthews affermò: "Una volta diventato un fanatico di Taylor, è una gioia e un orgoglio immenso poter illuminare gli altri al lavoro dell`uomo".Nel 2001 nasce Scuffletown, e poco dopo la sua uscita, Taylor è stato un artista protagonista di Austin City Limit`s e di Morning Edition della NPR. The Kerrville Tapes (2003) è il suo primo album dal vivo, registrato durante tre anni di apparizioni al prestigioso Kerrville Folk Festival.Nel 2004, seguendo le ripetute richieste dei fan e dei media, Taylor ha rimasterizzato il vinile Shameless Love e lo ha ristampato come CD con 2 bonus tracks mai pubblicate prima.Nella primavera del 2005, Taylor torna al Red Shack di Rock Romano a Houston per registrare il suo quinto album in studio, The Great Divide. Ricevendo recensioni entusiastiche in patria e all`estero, The Great Divide raggiunse il terzo posto nella classifica dell`Euro Americana e nel 2006 è stato nominato una delle uscite più ascoltate dalla Folk Radio.

Hollywood Pocketknife, uscito nel 2007, è una collezione di 10 canzoni che mostrava Taylor nel fiore degli anni come scrittore e performer, con il suo squisito stile narrativo, la sua acuta e studiata osservazione dello spirito umano e il suo intricato lavoro chitarristico guidato dalle radici. Prodotto da Taylor, l`album presenta anche un cast stellare di musicisti, tra cui Eric Demmer (sassofono), David Webb (tastiera, organo Hammond), Mathias Schneider (lap steel), James Gilmer (percussioni), Vince Bell (voce), Steven Fromholz (voce) e Susan Lindfors (voce).Nel gennaio 2008, Eric Taylor e Hollywood Pocketknife sono stati nominati per FolkWax`s Artist Of The Year e Album Of The Year.

All`inizio del 2011 Taylor ha deciso di riunire alcuni dei suoi più vecchi amici e musicisti preferiti per una registrazione dal vivo. Nel maggio 2011 vennero registrate 2 notti dal vivo allo studio The Red Shack di Houston, Texas. Nanci Griffith è volata da Nashville per cantare, Lyle Lovett è venuto a cantare, Denice Franke e Susan Lindfors Taylor sono venuti a cantare, Marco Python Fecchio è volato da Milano per suonare la chitarra elettrica e James Gilmer si è unito a noi per suonare le percussioni.Furono due notti magiche di musica e amicizia e di storia di Houston. Le esibizioni sono splendide, e questo CD Live At The Red Shack è diverso da qualsiasi altra cosa. Nominato uno dei 10 migliori album dell`anno (Texas Music magazine) e Best Of 2012 - Live Album (Third Coast Music magazine).Nel giugno 2013, Taylor ha pubblicato il suo decimo CD, Studio 10. Registrato anche al Red Shack, Studio 10 presentava 9 nuove canzoni scritte da Taylor e una cover di Cover These Bones di Tim Grimm. DUn interprete affascinante,

Taylor, oltre alla sua attività di musicista che lo ha visto calcare i palchi di tutto il mondo, Italia compresa,  ha insegnato alla Kerrville Song School, e ha condotto workshop di scrittura di canzoni in tutti gli Stati Uniti e in Europa, tra cui Fulston Manor Performing Arts Centre (Sittingbourne, Inghilterra), CARAD (Rhayader, Galles), Puget`s Sound Productions (Seattle, Washington), The Weem Inn (Aberfeldy, Scozia) e The Barn Productions (Williamstown, MA).

Lascia un grande vuoto in tutti gli appassionati di musica americana.

 





ERIC TAYLOR Altri articoli