Macerata Opera Festival

Macerata Opera Festival

MOF VerdeSperanza, per un Festival rispettoso di nature e culture


14/07/2018 - di mescalina.it
Mancano pochi giorni all’inizio ufficiale del Macerata Opera Festival 2018 #verdesperanza firmato dal sovrintendente Luciano Messi, dalla direttrice artistica Barbara Minghetti e dal direttore musicale Francesco Lanzillotta.

Moltissimi gli eventi collegati e intrecciati al Festival, che toccano ogni ambito culturale e artistico, dalle mostre agli happening, dai dibattiti alle installazioni, dalle foto ai concerti.

Una nuova sezione è “Note”, che racchiude la programmazione di musica cameristica o altre attività Musicali fuori dallo Sferisterio, come gli attesi Concerti in cantina, quattro appuntamenti le domeniche del Festival alle ore 17.30, organizzati con IMT-Istituto Marchigiano di Tutela Vini, in località “verdi” del maceratese. Si comincia domenica 22 luglio (Cantine Fontezoppa) con un appuntamento straordinario, cioè la presentazione del libro di argomento musicale best seller di questi mesi, Meno grigi più Verdi di Alberto Mattioli, giornalista della Stampa, che ha dedicato a Giuseppe Verdi un pamphlet che appassiona anche i non addetti ai lavori. Oltre all’autore ci saranno Barbara Minghetti e Francesco Lanzillotta.

Non possono mancare gli Aperitivi culturali Agli Antichi Forni (weekend del festival, ore 12:00), a cura di Cinzia Maroni dell’Associazione Sferisterio Cultura: alcune delle firme più prestigiose della critica musicale italiana (Enrico Girardi del Corriere della Sera, Angelo Foletto di Repubblica e Carla Moreni del Sole24Ore) dialogheranno con i registi e i direttori d’orchestra del Flauto Magico, dell’Elisir d’amore e della Traviata. Per la sezione “Dialoghi” nei tre lunedì del festival (23 e 30 luglio, 6 agosto), nel Chiostro di Palazzo Conventati, si svolgerà un ciclo di incontri a tema #verdesperanza intitolato Tra natura e cultura: percorsi di equilibrio e armonia.

Altra novità è l’arrivo a Macerata del Teatro dei Burattini di Como, il 2 agosto in occasione della Notte dell’Opera, con uno spettacolo dal titolo La leggenda del flauto magico, ispirato al capolavoro di Mozart in scena allo Sferisterio: una proposta per offrire a tutti – con il linguaggio semplice e pregnante del teatro dei burattini – l’occasione di immergersi nel meraviglioso mondo della musica e della fiaba.

Non mancano alcune attività pensate anche per i più grandi, come gli Aperitivi in loggione allo Sferisterio (tutti i giorni delle opere alle ore 19:00): verticali DOC e degustazioni organizzate in collaborazione con l’Istituto Marchigiano di Tutela Vini. Nei giorni delle opere è poi possibile fare una passeggiata nel backstage dello Sferisterio, uno speciale Tour guidato, alla scoperta dei segreti del teatro, insieme all’Associazione Amici dello Sferisterio.

Tutte queste attività completano la già nota proposta operistica dello Sferisterio, che prevede Il flauto magico di Mozart (20 e 29 luglio, 4 e 12 agosto 2018) col libretto in versione italiana, la regia di Graham Vick e la direzione di Daniel Cohen, L’elisir d’amore di Donizetti (21 e 27 luglio, 5 e 10 agosto) con a regia di Damiano Michieletto e la bacchetta affidata a Francesco Lanzillotta, e La traviata di Verdi (22 e 28 luglio, 3 e 11 agosto), con lo spettacolo storico di Henning Brockhaus e sul podio il debutto in Arena di Keri-Lynn Wilson. 

Sempre allo Sferisterio ci saranno poi gli appuntamenti Crossover con Vinicio Capossela (martedì 24 luglio) e l’Orchestra Filarmonica Toscanini diretta da Stefano Nanni in un nuovo progetto musicale intitolato NELL’ ORCÆSTRA, e il doveroso omaggio al musicista marchigiano più celebre di tutti i tempi, Gioachino Rossini, con il ritorno a Macerata di Francesco Micheli insieme a Elio, (martedì 31 luglio) per Rossini ovvero La rivoluzione in musica, spettacolo del ciclo CantiereOpera, che arriva a Macerata con una versione speciale, con l’Orchestra Regionale delle Marche diretta da Francesco Lanzillotta. Giovedì 2 agosto alle 21.30 allo Sferisterio, all’interno della Notte dell’Opera, Lella Costa torna a confrontarsi con TRAVIATA. L`INTELLIGENZA DEL CUORE, l’opera teatrale-musicale, scritta con Gabriele Vacis, che rende omaggio a tutte le “traviate” del mondo.  Il 7 agosto sarà la volta di Max Gazzé in Alchemaya sua nuova opera “sintonica”, che mette insieme sintetizzatori e la Bohemian Symphony Orchestra di Praga, diretta da Clemente Ferrari. La danza torna dopo tanti anni allo Sferisterio giovedì 9 agosto, con l’étoile dell’Opéra de Paris Eleonora Abbagnato, che interpreterà Puccini, recentissima coreografia creata per lei da Julien Lestel e dedicata alla musica e soprattutto alle eroine per eccellenza del teatro d’opera.

Al Teatro Lauro Rossi nuova prima assoluta: We can be Waves (mercoledì 25 luglio, 1 e 8 agosto), progetto di teatro musicale contemporaneo, vincitore di Macerata Opera 4.0, concorso internazionale – in collaborazione con Opera Europa e la Rassegna di Nuova Musica – bandito per under35. Il progetto su musiche di Luciano Berio e di Samuel Hertz, firmato da Matteo Marziano Graziano del collettivo italoberlinese CASA * MARZIANO, si articola in un “concerto coreografico” e un’installazione all’interno degli spazi del Lauro Rossi (dal 27 al 30 luglio, dal 4 al 7 agosto). La produzione ha il sostegno di HERAcomm.

 

Per ulteriori informazioni e prenotazioni, https://www.sferisterio.it/macerata-opera-festival-2018/