Gli occhi degli altri: Sonnambuli è un inno post-adolescenziale

Gli occhi degli altri: Sonnambuli è un inno post-adolescenziale


20/03/2020 - News di Conza Press

Dal lago di Lecco ai Grandi Laghi del Midwest americano, Gli occhi degli altri ci imbarcano sulla loro goletta e ci fanno salpare in acque tranquille per un viaggio onirico sulla scia dei ricordi. Tra sigarette spezzate nelle tasche dei jeans, giochi di sguardi negli specchi e notti sempre troppo corte, Sonnambuli ci avvolge nelle sue melodie necessariamente nostalgiche dalle quali è facile farsi rapire: “vieni via con me”, cantano del resto i ragazzi del lago nel ritornello da intonare a ripetizione come un incantesimo. Un brano che fluttua sulla marea del miglior rock alternativo, sfiorato da correnti dream pop e accarezzato dalla brezza della tradizione emo d’Oltreoceano. Il risultato è un pezzo confortante che tocca le corde di una malinconia dolce, da ascoltare sognando a occhi aperti.

 

“Sonnambuli è fumarsi l’ultima prima di andare a letto, per poi non riuscire a dormire per colpa del caffè

e dei rapporti incasinati. È un flusso di coscienza notturno e anche un labirinto mentale… ma con una via d’uscita!

Se il giorno dopo ti sveglierai tardi ci sarà un’intera generazione di post-adolescenti a farti compagnia.”

 

Ascolta Sonnambuli:
https://open.spotify.com/track/2bVWRaFiLLMcRrveMVPh5w