Fabio Ardito e il suo

Fabio Ardito e il suo "Siam tutti Vasco"


15/05/2019 - News di Magilla Spettacoli

Fabio Ardito nasce musicalmente negli anni 90 e dopo la classica gavetta suonando nei locali pezzi di Vasco Rossi, inizia subito a comporre musica propria partecipando ad un concorso nazionale pubblicato sulla rivista “Fare musica” classificandosi nei primi 10 insieme  Daniele Graff. Dopo diversi invii di suoi demo ai vari produttori dell’epoca senza mai avere una risposta, viene contattato dall’etichetta indipendente “Fono” di Roma che ha conosciuto per caso alla fiera discografica etichette indipendenti svoltasi a Recanati dove consegna il suo singolo “Il varco della ragione”. Tanti i dubbi sulle clausole contrattuali e quindi decide di non firmare e aspettare nuove proposte. Partecipa e vince ad un concorso su Radio Kiss Kiss di Milano con il brano “Mi chiamo Massimo” e viene subito contattato da un collaboratore del produttore artistico Marco Guarnerio che all’epoca lanciò il singolo “Dedicato a te” delle Vibrazioni, e firma un contratto di esclusiva ma con scarsi risultati. Ma Fabio, non sapendo vivere senza musica, non molla mai e invia un suo demo ad un concorso radiofonico nazionale per nuovi talenti emergenti, dove gli viene trasmesso un suo brano su Radio Rai 1. Sono continui gli invii che puntualmente manda a diversi produttori ma sempre con scarsi risultati. Con tali risultati ottenuti, Fabio entra nel vortice della depressione e comincia ad assumere psicofarmaci, ma grazie alla messa in onda del concerto epocale di Vasco Rossi “Modena Park”, comincia a svegliarsi e a capire che ha ancora delle possibiltà di mettersi in gioco e ascoltando i brani del grande Vasco Rossi che gli ricordano la sua infanzia, diventa per lui una siringa di adrenalina, prende una penna e inizia a scrivere il testo del brano “Siam tutti Vasco” editato dalla Magilla Spettacoli con l’etichetta Triode Production, con uno spirito e con delle aspettative ben diverse.