I MONARKAOTIKA CON “LONTANA ANNI LUCE”

I MONARKAOTIKA CON “LONTANA ANNI LUCE”


07/05/2019 - News di chiarettasweetangel
Una canzone che soltanto a partire dal titolo ci porta in un’altra dimensione, in cui l’intento, è
quello di dare una sensazione di distanza. La metafora stellare, potremmo dire, di un astro che
seguiamo con gli occhi, ma soprattutto con il cuore, dal desiderio acceso dentro di noi che fa
risvegliare i nostri segreti più profondi... La luce così lontana, eppure così vicina a noi...è il senso
del nostro desiderare appunto, un continuo perpetuare la luce dentro la nostra anima, che si
amplifica con lo scorrere del tempo...un tempo che neanche più riusciamo a contare, perché ha
superato ogni limite misurabile facente parte di quella sfera che non delimita più la nostra esistenza
ma la dilata...verso spazi più grandi, dove il desiderio e l’essere sono tanto ravvicinato da apparire
simili. Come i Monarkaotika stessi hanno dichiarato in una recente intervista a proposito di questo
singolo, una volta soddisfatto un desiderio, se ne ricrea in modo naturale un latro, una volta
raggiunto un obbiettivo, la nostra stessa natura umana, ci impedisce di godere di tale dono ricevuto,
che dovremmo valorizzare, ma che invece non apprezziamo nella sua profondità. Si tratta di un
concetto indagato per molto tempo non solo dalla filosofia, ma anche dalla letteratura, che ha dato
seguito a numerosi libri, film e, come nel caso della band pugliese, anche a diverse composizioni
musicali che ne hanno tratteggiate le linee più variopinte, dipingendo quadri di diverse gradazioni e
tonalità. E quante ne può avere un processo come il DESIDERARE, l’essenza stessa dell’essere
umano che nel suo percorso esistenziale, dopo aver posato per un attimo su fiore, come una farfalla-
e qui richiamiamo l’immagine simbolo dei Monarkaotika, quello da cui deriva la scelta del loro
nome- si libbra nell’aria per cercare un altro fiore, quindi altri colori, altri profumi....LONTANA
ANNI LUCE non è altro che questo...sentirsi mai appagati fino infondo, nemmeno forse la’ttimo
stesso in cui quello che da tempo desideravamo si realizza....un percorso dove la meta si allontana
sempre da noi, in maniera costante, senza sfuggirci del tutto: un punto che vediamo, osserviamo di
continuo, ma non raggiungiamo mai.....
Sonia Bellin