Book of Shame: Damned

Book of Shame: Damned


19/04/2019 - News di Annita Corsato

"Cantano la natura enigmatica e artistica di musicisti come David Bowie e Talking Heads, e lo mescolano con un suono senza fronzoli e punk che ricorda The Velvet Underground."

Book of Shame vanno di gospel nel terzo singolo intitolato Damned estratto dal loro prossimo album.

Damned è la sensazione di quando pensavi che le cose non potessero peggiorare... e invece peggiorano. È un amaro messaggio di speranza per tutti quelli che sono spinti dalle torsioni del destino... fantasmi erranti in un cimitero di sogni da cui uscirai ridendo o profondamente pazzo.

"Ho scritto le parole di questa canzone dopo aver perso diversi familiari e amici nell’arco di due anni. è stato un momento difficile e doloroso affrontare le ondate di dolore e la sensazione travolgente di non poter andare avanti. Scrivere, cantare e creare musica è stata la medicina giusta per guarire, ecco come sono arrivato a comporre musica."- Peter Boyd

Damned celebra il trionfo della lotta contro le avversità, scendere all'inferno, ma risalire con alcune cicatrici.

“A metà della registrazione, continuava a venirmi in mente un coro gospel e come potete sentire nella traccia, ha conferito un che di trascendente al messaggio che volevo dare.”

Il coro Gospel è composto dall'attore shakespeariano Joanna Foster, dal cantante / attore di “Mamma Mia 2” Eve Polycarpou e dal miglior Stephen D Fletcher ex Bardo di Eurovision.

I Book of Shame sono Pete Boyd Maclean (pluripremiato regista e co-creatore del Blue Monday di New Orders tra gli altri) e Gary Bridgewood (Multi-strumentista che ha girato il mondo con opere come The Real Tuesday Weld, Michelle Stodart (Magic Numbers) e Paul Weller ha sostenuto Troubadour Rose). La loro musica ha un suono mutevole e unico: fusione di rock, pop, indie, punk. Pensa a Wire, Bowie, Tindersticks, Talking Heads.

Nel 2019 The Book of Shame pubblicano il loro album di debutto omonimo, registrato al Gun Factor e prodotto da Rico Conning (The Lines, Wire Depeche Mode, William Orbit), ospiti tra cui Fergus Gerrand (Duran Duran, Sting, Madonna, The Spice Girls, Sting, Katie Melua), Claire Nicholson (Kula Shaker, L'Alabama 3), BJ Cole (Brian Eno, KD Lang, Sting).

Quando Peter portò un vecchio violino in un negozio di riparazioni locale, non si aspettava che la sua vita cambiasse per sempre, ma è esattamente quello che è successo. Il liutaio non era nientemeno che Gary, polistrumentista, ispiratore e razionalista con il pugno di ferro. Questo incontro casuale ha portato a una collaborazione che ha prodotto un album, una band, uno stile di vita e povertà per due uomini che dovrebbero conoscersi meglio.

Peter si ricordò di un vecchio amico che conosceva quando aveva 17 anni e pensò che gli avrebbe mandato una demo di una traccia. Il vecchio amico era il leggendario frontman dei The Lines e produttore / ingegnere / mixer dei leggendari artisti degli anni '80 come Adam Ant, Depeche Mode, Wire, Renegade Soundwave, Swans e Laibach.

"Rico eseguiva la sua magia su una traccia e la inviava a noi, e suonava proprio molto bene, quindi questo ci ha ispirato a fare di più e di conseguenza i brani continuavano a scorrere. Abbiamo scoperto che le persone della comunità musicale si uniscono davvero per aiutarsi a vicenda e Gary ha coinvolto sua moglie Jo che canta non solo con una estensione incredibile, ma sa anche fare un fantastico curry vegano e mantenere Gary in linea con i suoi ritmi. Non ho mai imparato a suonare il violino, ma non mi sono mai pentito di essere entrato in quel negozio." (Peter Boyd)

Peter e Gary hanno pensato che sarebbe stato bello avere una chitarra su una traccia e sono andati a Leytonstone a suonare con BJ Cole con un amico di Gary. Gary ha chiesto se avrebbe suonato su una canzone e con nostra sorpresa ha detto di sì ed è venuto fuori con un pezzo bello e ammaliante per una canzone intitolata Drifting.

Pete Boyd è un artista video e un pioniere del movimento Scratch Video degli anni '80. Come metà dei creatori di Duvet Brothers di video scratch innovativi per il Blue Monday di New Order e MAARS Pump up the Volume. Hanno eseguito installazioni video live per Sigue Sigue Sputnik presso l'Albert Hall e per scene nel film The Hollywood di Less Than Zero con Robert Downey Jnr. Il Duvet Bros ha tenuto a mano le tecniche di fotocamere tremolanti e lo stile di montaggio saltato ha influenzato la pubblicità televisiva e il cinema negli anni '90.

Gary Bridgewood (chitarra, basso, tastiera, mandolino, violino, violoncello, cori) è stato dentro e fuori dalle band per tutta la vita, iniziando con esperimenti di looping e usando un vecchio Grundig, il reel al registratore a bobina e un rullo della squadra in bobina. Ha suonato in varie band a Londra da studente, avevano avuto un buon successo con un album Indie n. 1. Una delle molte passioni di Gary è la musica di Klezmer e dell'Europa dell'est, suona il violino in Beskydy, che ha girato l'Europa, suonato tra Womad e le famose Purcell Rooms di Londra. Ha fatto tournée a livello mondiale con The Real Tuesday Weld, Michelle Stodart (Magic Numbers) ed è stato membro fondatore di Troubadour Rose, un trio formato nel 2009. Paul Weller ha offerto il suo studio, The Black Barn, per Troubadour Rose per registrare il loro album perché gli piacevano molto.

The Book of Shame

Basso elettrico Gary Bridgewood
Chitarre Pete Boyd
Batteria Fergus Gerrand
Prodotto da Rico Conning

Social e Contatti

https://soundcloud.com/bookofshame/damned

https://youtu.be/yS82NQ23BTA

https://twitter.com/BookofShame1

https://www.instagram.com/book_ofshame/

https://www.facebook.com/bookofshame1/

https://www.youtube.com/channel/UCn3yu2Pt7j1owfNZE0rv3Gg/

https://bookofshame.net/