• Home
  • /
  • Musica
  • /
  • Live
  • /
  • James Maddock Feat. Brian Mitchell E Alex Valle
James Maddock  Feat. Brian Mitchell E Alex Valle

James Maddock Feat. Brian Mitchell E Alex Valle

Levizzano Rangone(MO) / Ca` Berti


10/04/2019 - di Giovanni Sottosanti
Serata di pioggia, una stufa accesa e "un bicchiere levato al cielo d`Irlanda e alle nuvole gonfie" (cit. MCR). L`ospitalità di un amico vale più di tante parole e quando varchi la porta di casa sua respiri subito sentimenti forti, cuore e passione, storie partigiane e contadine che si inseguono, da Sassuolo all`Irlanda fino al New Jersey, perché il DNA è lo stesso e quel ritmo ce lo portiamo tutti scolpito dentro "One, two, three, four, the highway`s jammed with broken heroes".

Stasera invece tocca all`uomo di Leicester e lui ha deciso che vuole stupirci una volta ancora e colpirci per bene al centro delle nostre emozioni, perché a Leicester sanno bene come confezionare i sogni. La sua voce di carta vetrata danza sublime su splendide e sinuose ballate, produce strappi blues e accelerate di rock`n`roll, ricama oasi di bellezza e respiri trattenuti, si eleva ad altezze vertiginose per planare poi sull`ammirazione estasiata del pubblico presente.

James Michael Alexander Maddock non ha certo bisogno di presentazioni, dal 2011 a oggi l`Italia è divenuta la sua seconda patria musicale, sempre pronta ad accoglierlo come un figlio che torna a casa. Anche lui resta rapito e ammaliato dalla location, la Lambruscheria Ca` Berti si esprime alla grande e vince a mani masse. Con James sul palco, oltre ad Alex Valle, fido compagno di tante avventure e pronto a disimpegnarsi brillantemente tra lap steel, dobro e mandolino, in questo tour è presente Brian Mitchell al piano, alla fisa e alla voce. La lista dei nomi con cui il musicista statunitense ha collaborato in studio e live lascia semplicemente senza parole, basta leggere Bob Dylan, Levon Helm, Little Feat, Jackson Browne, B.B. King, Al Green e Allen Toussaint per capire la caratura di quell`uomo simpatico e tondetto, che con grande naturalezza e semplicità si siede al piano e lascia scorrere le dita sulla tastiera.

E allora capisci che ancora una volta la Magia sarà accanto a te e a tutti i fortunati presenti e ti accompagnerà in un meraviglioso viaggio musicale, raggiungendo vette altissime di bellezza e stupore. Il virtuosismo pianistico di Brian Mitchell riveste di soul, blues, r&b, r&r e New Orleans style le splendide ballate di James e le spinge in alto, unendosi alla splendida voce del cantautore inglese e alle chitarre di Alex. Pezzi come Rag  Doll, Another Life e Keep Your Dream ne escono fuori rinvigorite e incorniciate da nuovi colori. Quando poi tocca a lui condurre le danze, chiama a raccolta Zio Bob e Brother Levon, ma anche Dr. John e Lowell George, ed ecco che Simple Twist Of Fate e Ophelia pulsano vibranti e sbarazzine, come in un infinito Mardi Gras. Si ferma il tempo, trattiene il respiro tutta la Lambruscheria quando risuonano Stars Align, Beautiful Now, Better On My Own e Chance, mentre il Paradiso bacia la terra e passeggia in Sunrise On Avenue C. Il finale non può che essere When The Suns Out, trascinante, collettiva e quel ritornello che canteresti all`infinito "when the suns out/I wanna go where the people go/I wanna turn up the radio hear that song I know".