Veramadre-Veramadre

Veramadre-Veramadre


11/01/2018 - News di lamusicachemigiraintorno

L’album "Veramadre" (La Stanza Nascosta Records, 2017)dell'omonima band di Latina, preceduto dal singolo "La faccia di tanti anni fa" mescola lampi rock, sonorità brit-pop ed elettronica, risultando nel complesso godibile anche se non particolarmente originale. Deludono un po' i testi, specie quello del brano "Madre" che sembra sconfinare nel solito piagnisteo tutto italiano e molto in voga nel pop contemporaneo ("Siamo vittime di questo mondo" ecc..). Manca sicuramente a questi ragazzi, peraltro molto giovani, la voglia di rischiare. Preferiscono non discostarsi da sonorità già sentite (la timbrica del frontman Daniele Monti sembra ricordare molto, tra l'altro, quella di Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, così come il nome del gruppo pare quasi giocare sull'assonanza con la più famosa band salentina). C'è da dire però che il discorso artistico dei Veramadre, sebbene non sia certamente avanguardistico-ricalcando al contrario soluzioni già consolidate- funziona eccome a livello radiofonico; le canzoni ("La faccia di tanti anni fa" su tutte, ma anche "L'ultima risposta" e "Solo mia") si insinuano nelle orecchie dell'ascoltatore e si fanno certamente canticchiare e ricordare. "Veramadre" è un album che contiene un'infinità di potenziali singoli e che asseconda perfettamente i gusti dei più giovani, con melodie potenti e trascinanti e il tentativo-seppur non pienamente riuscito- di raccontare tematiche importanti (come ne "Gli ultimi eroi") senza rinunciare all'appeal radiofonico; quest'ultimo incontestabile. In definitiva, un debut-album di ottima fattura, con qualche scivolone convenzionale e un ampio margine di crescita futura.

Voto: 7

Piero D.