Ella

Ella

In anteprima Dentro, primo album di Ella


29/01/2017 - di Antonio Galota
Vi presentiamo in anteprima "Dentro", il primo disco di Ella, promettente cantautrice torinese; l`album, in uscita il 10 febbraio, contiene pezzi luminosi, ballabili, momenti elettronici e ballate struggenti.
Uscirà il 10 febbraio Dentro, il primo disco di Ella, promettente cantautrice torinese che arriva a poco più di un anno di distanza dall`ep di esordio. Prodotto, registrato e mixato da Fabrizio “Cit”, già al lavoro fra gli altri con Baustelle e Subsonica, il lavoro si presenta con una copertina scanzonata che riprende le atmosfere pop ed elettroniche della produzione. Ella definisce questo lavoro come una manifestazione dell`affermarsi della sua personalità in maniera sempre più autonoma nella musica; a differenza dell`ep, infatti, in questo lavoro l`artista ha partecipato direttamente alla produzione e ha avuto un ruolo centrale nella costruzione di tutti i brani.

Il disco contiene diversi pezzi luminosi, ballabili, come Quando io e te saremo grandi, prima traccia del disco, uno dei momenti più spiccatamente pop dell`album, vicino al mondo radiofonico, ma non alla pari di Giugno, posto invece in fondo alla tracklist, che sembra composto per essere un tormentone estivo senza rinunciare ad un arrangiamento interessante e ad un testo ben scritto, per quanto leggero. Un episodio molto interessante è Grattacielo dove la tensione e la paura di restare da soli raccontate dal testo si traducono in musica grazie a un synth ruvido e scostante che attraversa l`arrangiamento rendendolo più elettrico. L`interpretazione misurata di Ella rende il brano magnetico ed intrigante, coronandolo sul finale con un loop emotivo e musicale assai piacevole. Altra traccia da citare è Come credere, che presenta richiami al mondo dubstep. Le distorsioni arricchiscono l`arrangiamento elettronico e sporco sublimato dalla voce pulita della cantautrice.

 Al contrario di quanto ci si potrebbe aspettare c`è pura sperimentazione elettronica in Cuore matto, rielaborazione del grande classico della musica italiana. In questo pezzo la produzione elettronica si lascia andare, agendo anche sulla parte vocale, con distorsioni e sbalzi di tonalità. Stesso mood sperimentale viene riproposto in Domenica (Love in Traslation), che presenta continui cambi di dinamica e chitarre in reverse; il risultato è, ciononostante, molto orecchiabile e fresco.

Il disco si chiude con una ballata struggente, Finché il vento soffierà, che si stacca nettamente dall`elettronica imperante nel resto del lavoro poiché caratterizzato da un arrangiamento acustico che impreziosisce la vocalità di Ella, mostrandocene nuove sfumature, facendola uscire dalla coperta gradevole e protettiva che la produzione elettropop le aveva garantito fino alla penultima traccia.

L`intero disco ruota intorno alla delusioni d`amore, ai fallimenti e al loro superamento, alla capacità di affermarsi come persona attraverso la vittoria sulle proprie debolezze: questo pezzo rappresenta l`ultimo momento di malinconia, al quale subentra una sensazione di speranza nel futuro accompagnata da un dolce augurio ad una persona che appartiene al passato. La separazione e la delusione diventano quindi dolce ricordo, poco prima di sparire insieme alle ultime note del disco. Dentro è un album sentito, leggero all`ascolto ma significativo, un disco che rappresenta un punto di partenza per l`affermazione personale dell`io al di là dell`amore e della solitudine.

Ve lo presentiamo in anteprima: