A storm from a  butterfly<small></small>
Italiana − Alternative

Spleeners

A storm from a butterfly

2017 -
17/08/2017 - di
Si intitola A storm from a butterfly il disco d`esordio, autoprodotto, degli Spleeners, un trio milanese insieme dal 2012. Un nome, il loro, inventato partendo dallo spleen, il genere letterario di Baudelaire per intenderci, caratterizzato dalla malinconia, dalla meditazione e da un sentimentalismo un po` buio. Caratteristiche ben rintracciabili in molti dei brani del disco.

Ma, se il nome scomoda la letteratura, il titolo dell`album scomoda la matematica. A storm from a butterfly si riferisce “all`effetto farfalla”/teoria del caos quello per cui il minimo battito d`ali di una farfalla è in grado di provocare un uragano dall`altra parte del mondo. Cantano per ciò di fatti, di “azioni” che necessariamente portano a conseguenze, piccoli o grandi cambiamenti che siano. Cercano di leggere il mondo che li circonda partendo da esperienze personali come storie d`amore finite male/mai iniziate/felici, sogni nel cassetto e piccole fatti della vita di tutti i giorni. Il tutto volto a sottolineale l`imprevidibilità della vita.

Purtroppo però a livello musicale le otto tracce che compongono l`album non sono imprevedibili e nemmeno caotiche. L`idea del caos della vita musicalmente svanisce dando spazio ad un pop/rock quasi manieristico tanto è ben eseguito e senza sbavature. I brani sono tutti orecchiabili e molto piacevoli ma vista la bravura dei musicisti probabilmente avrei preferito qualcosa di più audace che mi lasciasse alla fine del disco con un velo di irrequietezza e di caos.

 

 

 

Track List

  • A storm from a butterfly
  • Second Circle
  • Freak Show
  • A Place to belong
  • Burn up the flag
  • Alice + the white rabbit
  • Final season
  • Think tank

Spleeners Altri articoli