Something Wicked <small></small>
Rock Internazionale − Alternative

Skye Wallace

Something Wicked

2017 - Autoprodotto / IRD
15/06/2017 - di
C`è una ragazza di 26 anni, di Vancouver, da tenere d`occhio: si chiama Skye Wallace, che ha appena inciso un disco pieno di energia e rock, Something Wicked. La cantautrice anni fa è stata capace di attraversare tutto il Canada in treno per cercare ispirazione per il proprio album, che raccontava storie tragiche ed emozionanti della storia canadese; oppure di fare la busker solitaria negli angoli delle strade della sua città; o ancora di suonare per un mese intero nella mitica Cameron House diToronto.

E` chiaro dunque che ci troviamo di fronte a una personalità eclettica e originale, che parte dalla folk music canadese alla Mitchell, per ispirarsi anche al punk rock di Patti Smith, con venature new wave, come Blondie, alla cui vocalità Skye si ispira, oppure al gruppo di connazionali Weakerthans.

In questo album, ricco di pezzi tiratissimi, come la bluesy Blood Moon o Guiltiest Hymn, se ne trovano altri decisamente anni Ottanta, come Long Way Down, in cui la voce di Wallace spicca per vibrazioni e intensità. Sotto l`attenta guida di Jim Bryson, cantautore canadese dalle infinite collaborazioni, i suoni del disco escono compatti e vibranti, ottimamente suonati, ricchi di sfumature; si ascolti Rumbling Soul per capire lo spessore della proposta, che attinge alla migliore tradizione nordamericana, da Neil Young a Lucinda Williams, donando alla partitura una strumentazione accurata e diretta.

Inoltre, anche i testi sono efficaci: dolenti storie introspettive, con parole incisive, come in Stronghold: "I will break you to pieces when you look in my eye.", oppure nella conclusiva Works of status, dalla lunga coda strumentale, che tocca il cuore. Un ascolto promettente, che ci fa sperare di attenderla live in Italia, per saggiare la sua energia sul palco.

Track List

  • Not Ready for This to Start
  • War Years
  • Blood Moon
  • Guiltiest Hymn [Explicit]
  • Long Way Down
  • Mean Song 2
  • Rumbling Soul
  • Stronghold
  • Works of Status