Wollow<small></small>
Emergenti − Songwriting − Folk, acoustic

Sergio Beercock

Wollow

2017 - 800A Records
20/06/2017 - di
Un viaggio che s’interseca e incontra terre diverse come i borghi dello Yorkshire, i casolari rurali della Sicilia e il riverbero delle Ande sudamericane trasformando tutte le emozioni vissute in suoni e parole. Tutto questo è Wollow, il primo lavoro discografico di Sergio Beercock, cantautore italo-inglese che ha appunto trasformato tutti i suoi ricordi d’infanzia e non solo in 11 canzoni.

Il risultato è un disco folk in cui il cantautore dà prova delle sue capacità cantando e suonando tutti gli strumenti che sentiamo nel disco, inserendovi non solo la sua anima cantautorale ma anche quella teatrale, come ad esempio succede in Jester.

Non stupitevi dunque se durante l’ascolto di Wollow sentirete l’alternanza di questi piccoli frammenti di mondi, sensazioni, colori e anime che rappresentano appieno tutto quello che è il cantautore. Passerete dalla minimal folk iniziale di Reason, all’andeggiante An exaggerated song, per poi trovare la parentesi teatrale già citata con Jester, passando dall’evocativa traccia strumentale Lighthouse. Il tutto ben amalgamato, con un fil rouge che accompagna tutto il disco rappresentato soprattutto dal particolare timbro vocale di Beercock, in grado di passare con facilità da uno stile all’altro senza mai apparire diverso da quello che è, bensì trovandosi a suo agio in tutti i ruoli e stili.

Una prima prova sicuramente diversa da molte produzioni che vengono fatte nel nostro Paese, ma non per questo meno riuscita. Per amanti del genere.

Track List

  • REASON
  • AN EXAGGERATED SONG
  • NAKED
  • LIGHTHOUSE
  • BATTLE FOR ATTENTION
  • CENTURY
  • PENNIES
  • BEAUTY OF DIRT
  • THE BARLEY AND THE RYE
  • JESTER
  • SILENCIO